Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Contro la malattia di Bruce Willis la speranza da una molecola antineuroinfiammatoria

Contro la malattia di Bruce Willis la speranza da una molecola antineuroinfiammatoria

E' la demenza frontotemporale che porta a gravi deficit

ROMA, 17 aprile 2023, 19:47

Redazione ANSA

ANSACheck

La famiglia teme per Bruce Willis, condizioni peggiorate © ANSA/EPA

La famiglia teme per Bruce Willis, condizioni peggiorate © ANSA/EPA
La famiglia teme per Bruce Willis, condizioni peggiorate © ANSA/EPA

Contro la Demenza frontotemporale (Ftd), patologia che affligge anche l'attore americano Bruce Willis, una speranza arriva da una molecola che combatte la neuroinfiammazione (pealut). Lo evidenzia uno studio presentato al 25/mo Congresso dell'Associazione Italiana di Psicogeriatria (Aip) curato da Giacomo Koch, neurologo professore ordinario di fisiologia all'università di Ferrara e direttore del Laboratorio di Neuropsicofisiologia sperimentale della Fondazione Santa Lucia.
    La demenza frontotemporale è una patologia neurodegenerativa che interessa primariamente i lobi frontali e/o temporali del cervello e rappresenta la causa più frequente di demenza neurodegenerativa ad esordio presenile. È una malattia eterogenea caratterizzata da compromissione delle funzioni esecutive frontali, deficit del linguaggio o cambiamenti del comportamento e della personalità ed un grave declino del funzionamento globale. "Attualmente, non esiste un trattamento farmacologico efficace specifico per rallentare la progressione della malattia e le strategie terapeutiche si basano principalmente sull'uso di agenti sintomatici per controllare i sintomi comportamentali. Recenti scoperte supportano l'idea che la neuroinfiammazione sia un elemento chiave nel processo patogenetico della Ftd a partire dalle prime fasi di malattia ed è stato ipotizzato che nuovi farmaci mirati a modulare la neuroinfiammazione cerebrale possano potenzialmente rallentare la progressione della malattia", sottolinea Koch. Lo studio, controllato contro placebo, ha riguardato un campione di 50 pazienti affetti da Demenza Frontotemporale per valutare la sicurezza e l'efficacia della somministrazione di co-ultraPealut. E' stato indagato "l'impatto clinico della molecola Pea sulla gravità della malattia e gli eventuali effetti benefici sui deficit cognitivi, sui sintomi comportamentali, sulle autonomie della vita quotidiana ed il rallentamento della progressione del declino funzionale - ha spiegato l'esperto - Inoltre, con un approccio multimodale (cognitivo e neurofisiologico) sono stati indagati i correlati cerebrali associati al trattamento con Pea-lut, facendo così notevoli passi avanti nella comprensione della fisiopatologia della malattia".
    Lo studio ha avuto lo scopo di verificare su un ampio campione di pazienti se la formulazione della Palmitoiltanolamide (Pea) e l'antiossidante flavonoide luteolina (Lut) sottoposta a un processo di ultramicronizzazione possa rappresentare una potenziale molecola terapeutica nei disturbi neurodegenerativi correlati a Ftd, per le sue documentate proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive. "I dati clinici e neurofisologici fino ad oggi raccolti sono molto incoraggianti - ha detto Koch - In un altro recente studio pilota del nostro gruppo pubblicato nel 2020 abbiamo indagato gli effetti cognitivi, comportamentali e neurofisiologici di un mese di somministrazione di coultrapea-lut alla dose orale di 700 mg due volte al giorno in un campione di 17 pazienti con Ftd.
    Dall'analisi dei risultati è emerso che la co-ultrapealut è stata in grado di migliorare le funzioni esecutive frontali e i disturbi neuropsichiatrici". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza