Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Quattro italiani su 5 non distinguono il sovrappeso dall'obesità

Quattro italiani su 5 non distinguono il sovrappeso dall'obesità

Per il 60% causa discriminazioni sul lavoro

ROMA, 28 febbraio 2023, 18:20

Redazione ANSA

ANSACheck

Sovrappeso ed obesita ', gli italiani non conoscono la differenza - RIPRODUZIONE RISERVATA

Sovrappeso ed obesita ', gli italiani non conoscono la differenza - RIPRODUZIONE RISERVATA
Sovrappeso ed obesita ', gli italiani non conoscono la differenza - RIPRODUZIONE RISERVATA

    Solo il 18% degli italiani conosce la differenza tra obesità e sovrappeso; il 47% sovrastima il numero di obesi in Italia, l'84% ritiene che il problema sia aumentato a causa della pandemia e c'è pessimismo su un ritorno alla normalità. Sono alcuni dei dati emersi da un sondaggio commissionato da Allurion e realizzato da YouGov in vista del World Obesity Day 2023 che si celebra il prossimo 4 marzo.
   

    Dalla rilevazione, condotta in 7 paesi tra cui l'Italia, è emerso che gli italiani tendono a essere meno informati rispetto ai cittadini di altri paesi su come comportarsi in caso di obesità: il 75% indica un consulto con un nutrizionista come unica soluzione, segue un consulto endocrinologico per il 39%.
    Indietro la chirurgia bariatrica (22%), il palloncino gastrico (11%), le app di dieta sullo smartphone.
  

     Il sondaggio rileva inoltre che per gli italiani persistono stigma e discriminazione legati all'obesità. Quesi 3 persone su 4 ritengono che oggi la discriminazione legata al peso sia più marcata rispetto al passato e che in questo fenomeno media e social media abbiano una notevole responsabilità. Per il 69% il sovrappeso può portare a isolamento e a difficoltà nell'avere relazioni affettive.

   Per circa il 60% è causa di atti di bullismo e comporta disparità sul lavoro, essendo fonte di difficoltà a trovare un impiego e influenzando l'entità del salario. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza