Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Trovato punto debole di un tumore al colon, lo rende curabile

Trovato punto debole di un tumore al colon, lo rende curabile

Risultato tutto italiano, ottenuto su topi

ROMA, 14 febbraio 2023, 17:33

Redazione ANSA

ANSACheck

Scoperto il punto debole di un tipo di tumore al colon-retto, la seconda causa di morte per motivi oncologici a livello mondiale (free via pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scoperto il punto debole di un tipo di tumore al colon-retto, la seconda causa di morte per motivi oncologici a livello mondiale (free via pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Scoperto il punto debole di un tipo di tumore al colon-retto, la seconda causa di morte per motivi oncologici a livello mondiale (free via pixabay) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scoperto il punto debole di un tipo di tumore al colon-retto, la seconda causa di morte per motivi oncologici a livello mondiale: diventa ora possibile trasformare alcuni di questi, refrattari ai trattamenti con l'immunoterapia, in forme più vulnerabili e quindi curabili. Il risultato, ottenuto sui topi, è tutto italiano: lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Cell che gli ha anche dedicato la copertina, è infatti frutto della collaborazione tra Università di Torino e Istituto Fondazione di Oncologia Molecolare (Ifom) di Milano, con il contributo delle Università di Milano e di Palermo, l'Istituto per il Cancro di Candiolo, l'Istituto Nazionale Genetica Molecolare Ingm di Milano, l'Asst Grande Ospedale Niguarda di Milano e l'azienda Cogentech.

L'immunoterapia è un'opzione terapeutica estremamente promettente per molte patologie tumorali, ma per il tumore al colon-retto il suo impiego è fortemente limitato: questo perché, nel 95% dei casi, i tumori risultano refrattari a questo trattamento e vengono infatti definiti 'freddi'. La differenza è probabilmente dovuta a meccanismi di riparazione del Dna: "Nella maggior parte dei pazienti, questi meccanismi sono ancora funzionanti", spiega Alberto Bardelli, direttore di ricerca all'Ifom e docente all'Università di Torino, che ha coordinato lo studio. "Solo nel 5% dei pazienti il tumore ha perso questo meccanismo e produce quindi proteine alterate che attivano il sistema immunitario". Cercando di convertire i tumori 'freddi' in tumori 'caldi', i ricercatori guidati da Vito Amodio, di Ifom, Università di Torino e Istituto di Candiolo, hanno scoperto che alcuni dei tumori più resistenti nascondono parti più vulnerabili.

Utilizzando nei topi la 6-Tioguanina, un farmaco già utilizzato nel trattamento di alcune leucemie, sono riusciti ad allargare le zone 'calde' di questi tumori, che diventano quindi trattabili con l'immunoterapia. Gli autori dello studio stanno ora verificando se è possibile estendere agli esseri umani i risultati ottenuti negli animali da laboratorio. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza