Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Covid: anche con e-cig possibile aumento rischio forma grave

Covid: anche con e-cig possibile aumento rischio forma grave

In giovani sani. Oltre fumo sigarette

10 febbraio 2023, 15:41

Redazione ANSA

ANSACheck

Covid: anche con e-cig possibile aumento rischio forma grave - RIPRODUZIONE RISERVATA

Covid: anche con e-cig possibile aumento rischio forma grave - RIPRODUZIONE RISERVATA
Covid: anche con e-cig possibile aumento rischio forma grave - RIPRODUZIONE RISERVATA

La sigaretta, sia tradizionale sia elettronica, potrebbe aumentare il rischio di Covid grave in ragazzi giovani e sani. Lo suggerisce uno studio condotto presso l'Università di Los Angeles e pubblicato sul Journal of Molecular Medicine, uno dei primi studi a scoprire che non solo il fumo di tabacco, ma anche la sigaretta elettronica, può predisporre le persone ad un aumento dell'infiammazione e allo sviluppo futuro di Covid grave e di complicazioni cardiovascolari persistenti che possono verificarsi dopo la malattia iniziale, come spiega Theodoros Kelesidis, autore principale dello studio.

"Il messaggio chiave è che il fumo è il peggiore, ma anche la sigaretta elettronica non è scevra da rischi", ha detto Kelesidis. "Questo è stato dimostrato per molte malattie polmonari, ma non per il Covid. È stata una scoperta piuttosto interessante e nuova che la sigaretta elettronica modifica i livelli di proteine chiave che il virus utilizza per replicarsi". I ricercatori hanno esaminato il plasma raccolto da 45 non fumatori, 30 fumatori di sigarette elettroniche e 29 fumatori di sigarette normali, analizzandolo per misurare i livelli di proteine di cui il SarsCoV2 ha bisogno per replicarsi. Queste proteine sono ACE2, furina, Ang II, Ang 1-7, IL-6R, sCD163, L-selectina.

I ricercatori hanno scoperto che il plasma di giovani sani che fumano tabacco o sigaretta elettronica presenta livelli maggiori di furina, sCD163 e L-selectina rispetto ai non fumatori. Questi dati suggeriscono che nei giovani fumatori potrebbe esserci una maggiore attività delle suddette proteine nelle cellule immunitarie e nelle cellule di superficie, come quelle che rivestono i polmoni. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza