Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'IA 'a caccia' del glaucoma con screening e cura da remoto

L'IA 'a caccia' del glaucoma con screening e cura da remoto

Obiettivo progetto internazionale con ricercatori italiani

ROMA, 11 gennaio 2023, 18:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Intelligenza Artificiale (IA) come uno Sherlock Holmes della vista: a caccia dei primi segnali del glaucoma per identificare il prima possibile la malattia ed intervenire precocemente per rallentarne la progressione e i conseguenti danni che possono arrivare anche alla cecità. Con questo obiettivo stanno lavorando gli specialisti del Centro Oculistico Italiano di Brescia, l'Università di Modena e Reggio Emilia e l'IRCCS Fondazione Bietti di Roma grazie ad un progetto internazionale finanziato dalla fondazione svizzera Velux Stiftung che punta alla realizzazione di un sistema automatico contactless per lo screening e la diagnosi precoce della forma di glaucoma ad angolo chiuso.

    Attraverso il progetto Velux: NACA estimator (No Contact Anterior Chamber Angle), i ricercatori sono al lavoro per creare un algoritmo che possa consentire un giorno anche di fare lo screening ambulatoriale e il monitoraggio da remoto. Sono le applicazioni dell'Intelligenza Artificiale in oftalmologia che iniziano a dare i primi risultati grazie al Deep Learning (DL) le cui potenzialità in ambito medico, ad oggi, sono state applicate, ad esempio, alla valutazione dei tumori, al rilevamento della fibrillazione atriale e ai tempi di insorgenza dell'ictus.
   
Il glaucoma è una malattia molto frequente. Secondo l'OMS nel mondo ne sono affette circa 80 milioni di persone e 25 milioni circa sono quelle che hanno perso la vista del tutto o in parte.

    Solo in Italia i glaucomatosi sono circa un milione, ma una persona su due non sa di esserne affetta. "L'Intelligenza Artificiale è un sistema informatico in grado di eseguire attività che normalmente richiedono l'intelligenza umana, come il rilevamento delle alterazioni indotte dal glaucoma a livello della testa del nervo ottico, o la progressione del danno del campo visivo", spiega Luciano Quaranta, direttore scientifico del Centro Oculistico Italiano, sottolineando che "la diagnosi precoce e la gestione preventiva della degenerazione è fondamentale". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza