/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Trovato il modo per "addormentare" i batteri resistenti

Trovato il modo per "addormentare" i batteri resistenti

Sviluppata la molecola che dà forza ai vecchi antibiotici

ROMA, 03 marzo 2020, 19:01

Redazione ANSA

ANSACheck

Studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports - RIPRODUZIONE RISERVATA

Studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports - RIPRODUZIONE RISERVATA
Studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports - RIPRODUZIONE RISERVATA

- La medicina potrebbe avere presto una nuova arma per la lotta ai batteri resistenti agli antibiotici.
    L'uso di oligonucleotidi, brevi molecole di acidi nucleici, potrebbe infatti nuovamente renderli sensibili e, dunque, sconfiggerli con gli stessi antibiotici. A dirlo è un gruppo di ricerca francese dell'Università di Bordeaux che ha sviluppato in vitro un oligonucleotide lipidico capace di ridurre la resistenza degli Escherichia coli a un antibiotico della famiglia delle cefalosporine. Nello studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, i ricercatori hanno sviluppato un meccanismo basato sull'acquisizione e l'espressione di un gene codificante la beta-lattamasi a spettro esteso, situato su una molecola di Dna non integrato nel genoma dei batteri e il cui trasferimento da un batterio all'altro facilita la diffusione della resistenza. Gli studiosi hanno sviluppato un oligonucleotide che consente di bloccare l'Rna messaggero, trascritto dal gene. Per arrivare a questo, però, gli studiosi francesi hanno dovuto superare un ostacolo: gli enterobatteri hanno una parete particolarmente impermeabile. "È stato quindi necessario modificare l'oligonucleotide a livello fisico-chimico, per migliorarne la penetrazione - dice Tina Kauss, ricercatrice che ha effettuato gli esperimenti - Abbiamo selezionato un lipide in grado di attraversare questa barriera, quindi lo abbiamo innestato in diversi siti dell'oligonucleotide".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza