Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tumore al seno, ipotesi chemio-free anche per il triplo negativo

Tumore al seno, ipotesi chemio-free anche per il triplo negativo

Per alcune donne in futuro potrebbe non essere necessaria

ROMA, 02 aprile 2024, 19:12

Redazione ANSA

ANSACheck

tumore seno - RIPRODUZIONE RISERVATA

Alcune pazienti con tumore al seno triplo negativo potrebbero, in un prossimo futuro, evitare la chemioterapia. Uno studio internazionale pubblicato sul Journal of the American Medical Association (Jama) ha mostrato infatti che le pazienti operate per una neoplasia in fase precoce e il cui tumore è ricco di cellule immunitarie accorse per combattere la malattia hanno un basso rischio di recidiva e una migliore sopravvivenza. È possibile dunque che per loro sia sufficiente un regime terapeutico meno aggressivo. Serviranno comunque altri studi per verificarlo.
    Il tumore al seno triplo negativo rappresenta circa il 15-20% dei tumori mammari; deve il suo nome al fatto che sulle sue cellule non è presente nessuno dei tre bersagli molecolari contro i quali esistono trattamenti mirati: ciò lo rende più difficile da colpire. Inoltre, tende frequentemente a dare recidive, ha una mortalità più alta ed è più comune nelle donne giovani. "Per questi motivi, la chemioterapia - adiuvante o neoadiuvante - è raccomandata per la maggior parte delle pazienti con tumore al seno triplo negativo in stadio iniziale", spiegano i ricercatori.
    Lo studio ha analizzato i dati di quasi 2.000 donne che hanno ricevuto una diagnosi di tumore al seno triplo negativo in cura in 13 centri in Usa, Canada, Francia, Italia, Paesi Bassi, Svezia, Giappone e Corea. I ricercatori hanno osservato che quanto più alta era la presenza di 'linfociti infiltranti il tumore' tanto migliore era la prognosi per le pazienti. In particolare, le donne con i livelli più alti di linfociti avevano una sopravvivenza a 5 anni superiore al 90% rispetto al 72% di quelle con livelli più bassi. Più alte anche le chance di non avere recidive.
    "Questa è una scoperta importante", commenta il primo firmatario dello studio, Roberto A. Leon-Ferre. "I risultati dello studio possono ispirare futuri studi clinici per esplorare se le pazienti con una prognosi favorevole possono evitare regimi di chemioterapia intensiva".    

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza