Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Geraci in Sicilia, tutti donatori d'organo dopo la storia di Marta

A Geraci in Sicilia, tutti donatori d'organo dopo la storia di Marta

Il Borgo delle Madonie è il più generoso tra piccoli comuni d'Italia

12 aprile 2023, 09:41

Redazione ANSA

ANSACheck

Il borgo di Geraci Siculo (foto di Giovanni Franco) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il borgo di Geraci Siculo (foto di Giovanni Franco) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Il borgo di Geraci Siculo (foto di Giovanni Franco) - RIPRODUZIONE RISERVATA

"Vogliamo essere un esempio virtuoso". C'è un senso di orgoglio appena contenuto per una "comunità che esprime un forte senso civico" nelle parole con le quali il sindaco Luigi Iuppa accoglie la notizia che Geraci Siculo, piccolo borgo medievale nelle Madonie in provincia di Palermo, è per il secondo anno il comune più generoso d'Italia nella donazione di organi. Lo dicono i numeri delle adesioni: praticamente quasi la totalita' dei residenti, il 96,8 per cento in rapporto alle carte di identità elettroniche emesse dal comune.

 

Da dove nasce tanta sensibilità? La spinta viene da una storia che ha commosso il paese: il caso di Marta Minutella, una bambina di 11 anni morta improvvisamente nel marzo 2021 per una leucemia fulminante. I genitori, Antonio e Maria Antonietta Bonomo, avrebbero voluto donare gli organi della figlia ma l'espianto venne escluso perché erano stati compromessi dalla malattia. Mamma è papà (lei insegnante di matematica, lui titolare di un'azienda zootecnica) vollero comunque firmare il consenso come un atto simbolico.

Il dolore della famiglia alimentò così una cultura della donazione che per Geraci Siculo è diventata, dice Iuppa, una nuova "buona pratica": un altro capitolo della lunga storia di un borgo di appena 1.700 abitanti che nel Medioevo è stato la roccaforte politica della potente famiglia dei Ventimiglia. Di quel passato si conservano le testimonianze artistiche e architettoniche, la struttura urbanistica e la tradizione cavalleresca della giostra dei Ventimiglia. Al fondo di questo patrimonio storico ci sono una testimonianza culturale che ha dato vita a una vivace casa editrice, Arianna, e uno spiccato senso civico di cui il sindaco è molto orgoglioso. La storia delle donazioni, partita con la morte fulminante di Marta, è diventata una cultura condivisa e sentita di cui il comune si è fatto promotore.

"Il nostro ufficiale di stato civile - racconta Iuppa - si ritrova un facile consenso tutte le volte che, rilasciando una carta di identità, chiede al cittadino se è disposto a donare i propri organi. E così si raggiungono cifre che superano il 90 per cento dei casi". A spingere le adesioni contribuiscono, oltre al ricordo commosso di Marta alla quale è stato intestato un parco inclusivo, anche le iniziative pubbliche che vengono promosse dal 2021. Il programma di quest'anno prevede il 15 aprile, nel convento degli Agostiniani del XVII secolo, un convegno sulle donazioni. Il titolo riprende l'idea che in questo campo "anche al Sud si può". Il 16 aprile allo stadio della Santissima Trinità, dove ogni anno di svolge la giostra dei Ventimiglia, si giocherà una partita del cuore tra la nazionale dei trapiantati e la squadra del Geraci che milita nel campionato siciliano di eccellenza. "Siamo piccoli - commenta il sindaco - ma abbiamo uno sguardo lungo".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza