Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stellantis conferma i 5 modelli elettrici a Melfi

Stellantis conferma i 5 modelli elettrici a Melfi

Al via i tavoli da Urso. Cirio e Lo Russo: 'uniti per Mirafiori'

TORINO, 03 aprile 2024, 08:54

Amalia Angotti

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Stellantis conferma a Melfi i cinque modelli elettrici sulla futura piattaforma medium che potrebbero portare, se ci saranno le condizioni di mercato, a produrre 260mila vetture all'anno rispetto alle 170.000 attuali. Confermata l'uscita dalla produzione nel 2025 della 500X e a fine 2026 della Jeep Renegade. L'incontro sulla fabbrica lucana ha dato il via ai tavoli su Stellantis al ministero delle Imprese e del Made in Italy, guidato da Adolfo Urso.
Domani si parlerà di Mirafiori, poi toccherà ad Atessa e, nelle prossime settimane, il confronto riguarderà gli altri stabilimenti. L'obiettivo è di arrivare entro la fine di maggio a un accordo complessivo che metta nero su bianco tutti gli impegni di Stellantis, del governo, delle Regioni e della componentistica per arrivare a produrre un milione di veicoli in Italia. "Il governo ha messo in campo una politica per l'auto, ha realizzato un piano di incentivi.
Ora tocca all'azienda adattare il suo piano industriale, finanziario rispetto a quello che il sistema Italia si aspetta, Abbiamo chiesto a Stellantis che presenti in tempi brevi un piano chiaro, stabilimento per stabilimento e questi incontri ci possono far capire se c'è un terreno comune per confrontarci", spiega il ministro Urso che parla di otto case automobilistiche interessate a investire in Italia. "I modelli elettrici non bastano a Melfi, servono anche vetture ibride perché quelli full electric stentano ad imporsi sul mercato" afferma Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto. "Resta l'incognita sulla capacità di saturazione degli impianti e dell'indotto" sottolinea il segretario generale della Fim Ferdinando Uliano. "Non abbiamo avuto nessuna risposta, senza l'amministratore delegato Carlos Tavares questa discussione non va da nessuna parte" tuona il leader della Fiom, Michele De Palma. Torino, intanto, si mobilita per Mirafiori. "Chiederemo coralmente un nuovo modello perché solo facendo più auto si garantisce più occupazione e l'indotto" afferma il governatore Alberto Cirio che con il sindaco Stefano Lo Russo ha convocato sindacati e associazioni imprenditoriali. "Dopo tanti anni il territorio piemontese si presenterà compatto al tavolo del ministro Urso. C'è una condivisione di intenti per individuare le priorità per il rilancio dell'automotive e per la salvaguardia dei posti di lavoro", sottolinea Lo Russo.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza