Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Stellantis, la produzione torna a crescere dopo 4 anni

Stellantis, la produzione torna a crescere dopo 4 anni

Uliano (Fim), pesa crisi chip, per settore non bastano incentivi

TORINO, 03 gennaio 2023, 20:06

di Amalia Angotti

ANSACheck

Stellantis - RIPRODUZIONE RISERVATA

Stellantis - RIPRODUZIONE RISERVATA
Stellantis - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo quattro anni la produzione di Stellantis torna a crescere in tutti gli stabilimenti italiani, grazie soprattutto al lancio dei nuovi modelli. Unica eccezione la Sevel di Atessa, che presenta volumi in calo del 22,3%. Tra auto e furgoni nel 2022 - secondo la Fim Cisl - sono state prodotte 685.753 unità, l'1,8% in più del 2021. Il segno resta, invece, negativo rispetto al 2019 con un calo del 16,3% (-8,7% le auto e -29,7% i veicoli commerciali), dovuto soprattutto alla mancanza dei microchip. Secondo la Fim, la difficoltà nelle forniture di componenti, che continuerà anche nel 2023 provocando altri fermi produttivi, ha determinato lo scorso anno la perdita di circa 200.000 vetture.
    "Dal 2017 si è perso un terzo della produzione, scesa da 1.035.454 a 685.753 unità. C'è ancora molto da lavorare. Perciò riteniamo importante che il ministro Urso convochi subito il tavolo ministeriale Stellantis" spiega il segretario nazionale della Fim Ferdinando Uliano. "Dobbiamo verificare concretamente - aggiunge - l'arrivo nel nostro paese dei nuovi investimenti previsti dal Piano Dare Fowards, necessari al lancio di nuove produzioni". Uliano chiede al governo un piano per il settore dell'auto perché "gli incentivi non bastano. Sono indispensabili per sostenere l'acquisto di veicoli con un costo superiore del 50%, ma non devono sottrarre risorse alla reindustrializzazione per evitare l'impatto negativo sull'occupazione. A rischio ci sono 75.000 posti di lavoro".


    La crescita dei volumi nel 2022 è dovuta soprattutto all'entrata in produzione della Maserati Grecale e dell'Alfa Romeo Tonale che hanno dato una spinta alle produzioni di Cassino e di Pomigliano D'Arco. Nello stabilimento campano la conferma della Panda fino al 2026 e la salita produttiva delle nuove vetture può portare alla piena occupazione con l'azzeramento degli ammortizzatori sociali. Il Polo Produttivo di Torino ha mantenuto buoni livelli di produzione, in particolare grazie alla 500 Bev i cui volumi rappresenta l'82% del totale. L'aumento della produzione della piccola full electric ha compensato le perdite nei volumi delle Maserati la cui ripartenza è attesa con il lancio nei primi mesi del 2023 della nuova GranTurismo nelle due motorizzazioni Nettuno e Folgore, primo elettrico Bev della storia Maserati. Nel 2023 arriverà anche la nuova Maserati GranTurismo sempre nelle due motorizzazioni. In crescita anche le produzioni di Modena grazie alla Maserati MC20. Con 206.000 veicoli commerciali leggeri la Sevel di Atessa è lo stabilimento con più volumi, ma è anche l'unico con un risultato negativo rispetto al 2021 (-22,3%).
    Il 12 gennaio ripartirà anche la trattativa per il rinnovo del contratto specifico di lavoro, con l'obiettivo di chiudere tra la fine mese e l'inizio di febbraio. "Stiamo procedendo in modo spedito, le ultime parti saranno il welfare e il salario.
    Abbiamo offerto alla Fiom la possibilità di fare una piattaforma unitaria, ma non ha accettato. Temo che il loro tavolo non avrà un seguito e a questo punto è complicato un rientro al nostro" ha detto Uliano.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza