Gruppo Volkswagen, vendite 2020 -15,2% ma boom elettriche

A quota 231.600 triplicati modelli a batteria rispetto 2019

Redazione ANSA ROMA

Nei risultati sulle vendite complessive che il Gruppo Volkswagen ha fatto registrare nel 2020 - con 9.305.400 veicoli consegnati ai clienti nel mondo in diminuzione del 15,2% rispetto all'anno precedente - spiccano due tendenze. Da un lato, a fronte della forte contrazione generale dovuta al Covid-19 nel 2020 il Gruppo ha incrementato leggermente la propria quota nel mercato globale autovetture, in controtendenza rispetto al trend generale. E nonostante la pandemia globale, l'offensiva elettrica operata da vari marchi del Gruppo di Wolfsburg - supportata da un gran numero di nuovi modelli - ha suscitato un forte interesse da parte dei clienti nell'anno appena concluso e ha portato alla consegna di circa 231.600 veicoli 100% elettrici, oltre il triplo rispetto ai dati del 2019. Anche i modelli ibridi plug-in hanno convinto l'utenza che ne ha acquistati 190.500 (+175%). Nell'Europa Occidentale, la quota di veicoli elettrici ha quindi registrato un'impennata, attestandosi al 10,5% sul totale delle consegne (2019: 1,9%). ''La pandemia di Covid-19 ha reso il 2020 un anno estremamente impegnativo - ha commentato Christian Dahlheim, direttore vendite del Gruppo Volkswagen - ma in questo contesto l'azienda ha performato bene e ha rafforzato la propria posizione sul mercato. Siamo particolarmente soddisfatti di aver accelerato la nostra offensiva elettrica nonostante la pandemia e di aver fatto un grande passo avanti nell'implementazione della nostra Together Strategy 2025+. Quest'anno manterremo lo slancio, presentando molti altri modelli elettrici accattivanti''. La Top Five dei modelli elettrici del Gruppo vede in testa la Volkswagen ID.31 immatricolata in 56.500 unità, seguita da Audi e-Tron (47.300), da Volkswagen e-Golf (41.300), da Volkswagen e-Up! (22.200) e da Porsche Taycan (20.000). La classifica delle cinque ibride plug-in più vendute vede invece in testa la Volkswagen Passat con 4 27.200 unità, seguita da Audi Q5 (23.500), da Porsche Cayenne (21.500), da Skoda Superb (16.400) e da Volkswagen Golf (15.200). Considerando le consegne globali dei modelli del Gruppo, In Europa sono stati immatricolati in totale 3.616.900 veicoli (-20,5%) ma la quota nel mercato autovetture è cresciuta significativamente. Nell'Europa Occidentale, 2.939.900 clienti hanno acquistato un modello dei brand del Gruppo (-21,6%). Qui i veicoli 100% elettrici e ibridi plug-in sono stati molto apprezzati e hanno rappresentato il 10,5% delle consegne in questa regione (2019: 1,9%). La domanda di auto elettriche è stata ancora maggiore in Germania, dove questa tipologia ha rappresentato l'11,6% delle consegne (2019: 1,5%). Considerando tutti i sistemi di propulsione sono state consegnate 1.097.700 unità (-19,5%). Le vendite in Europa Centrale e Orientale hanno fatto segnare una contrazione del 15,6%, attestandosi a 677.000 unità. Nel Nord America 785.800 clienti hanno scelto un modello fra i brand del Gruppo, il 17,4% in meno rispetto all'anno precedente. Le consegne negli Stati Uniti hanno registrato un calo leggermente più contenuto, del -12,1%, arrivando a 574.800 unità. Nell'America del Sud il Gruppo è riuscito a espandere significativamente la propria quota di mercato con 489.700 unità consegnate, dato che corrisponde al 19,5% in meno rispetto al 2019. In Brasile, il più grande mercato in questa regione, le consegne sono calate nella stessa misura (-19,7%) con 377.600 unità. La regione Asia-Pacifico è stata invece la più rapida a riprendersi dall'impatto del Covid-19. Qui il Gruppo Volkswagen ha visto le consegne diminuire solo del 9,1%, a 4.122.200 unità. In Cina, mercato principale per il Gruppo, si è registrata una contrazione del 9,1%, con 3.849.000 veicoli venduti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie