KTM 890 Duke, una 'media' ma solo sulla carta

Cresce di cilindrata. Obiettivo è sempre 'divertimento' facile

Redazione ANSA MILANO

Cresce nel motore ma l'obiettivo rimane divertire, la Duke di KTM che ora è anche 890. L'aumento di cilindrata, per 'fun Bike' della casa austriaca, era atteso da tempo e immatricolare da quando nel 2017 arrivo la versione 790, già apprezzata per design, leggerezza e prestazioni da naked di media cilindrata. A distanza di tre anni è arrivata la risposta a chi chiedeva maggiori prestazioni dal bicilindrico parallelo, ai quali i tecnici di Mattighofen hanno risposto con la 890 Duke. Gli obiettivi nel mirino di KTM è stato quello di mantenere le doti principali del modello più piccolo, quindi leggerezza e precisione, attorno ad un motore di 889 cmü che sfrutta una logica più sofisticata per le mappature ed è ora in grado di erogare 115 CV e 92 Nm (un aumento di 10 CV e 5 Nm di coppia rispetto alla 790 Duke). Omologata Euro 5, dispone di un serbatoio da 14 l e offre consumi pari a 4,8 l/100 km, con un'autonomia vicina ai 300 Km. La doppia anima della 890, assicurano in KTM, le permette di muoversi agile tra le vie della città in punta di gas, come veloce sulle curve più fuori mano. Un 'media', quindi, ma solo sulla carta, perché le prestazioni sono superiori alle media di settore, già dal primoimpatto estetico con il display TFT fotosensibile dotato di connettività KTM MY RIDE e dal selettore a manubrio, attraverso il quale è possibile scegliere le modalità di guida Rain (risposta morbida dell'acceleratore, massimo controllo della trazione, potenza ridotta e anti-impennata), Street (risposta dell'acceleratore standard, TC normale, piena potenza, anti-impennata) e Sport (risposta sportiva, TC ridotto, piena potenza, anti-impennata). Per chi è in grado di sfruttare appieno il potenziale della KTM 890 Duke, c'è anche il Track Mode opzionale che permette di variare le impostazioni. Il controllo della trazione può essere incrementato o ridotto in una scala di nove livelli, la funzione anti-impennata può essere disinserita e la risposta dell'acceleratore regolata tre livelli. Il launch control, poi, fissa il motore al numero di giri al minuto perfetto per una partenza fulminea da fermo. La KTM 890 Duke sarà disponibile in due colorazioni (Orange e Black) a partire dal mese di febbraio 2021 e al prezzo di 10.700 euro. Allo stesso prezzo verrà commercializzata la versione depotenziata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie