Batterie auto elettriche, vita teorica oltre 300mila km

Ma tutto dipende da gestione e da uso delle cariche lente

Redazione ANSA ROMA

Le auto elettriche sono molto più affidabili di quelle termiche per la relativa semplicità del motore, ma hanno il loro punto debole nelle costose batterie, che determinano non solo l'autonomia ma anche la durata della vettura. Il magazine francese AutoPlus ha pubblicato al riguardo un interessante studio che prova a fare chiarezza su quella che può essere la reale 'vita' di una batteria agli ioni di litio, anche in rapporto alle garanzie che vengono fornite dai costruttori per questo fondamentale componente di un Bev.
Va subito precisato che a condizionare la durata e l'efficienza di una batteria sono il numero di cicli di ricarica e le caratteristiche del ciclo 'scarica-carica' che caratterizza l'uso della singola vettura. Ogni tipo di batteria agli ioni di litio ha una propria durata e questa varia tra 1.000 e 1.500 cicli di carica ipotizzando che questi vengano fatti per mantenere una capacità soddisfacente (80% mediamente) e quindi fornire livelli di autonomia soddisfacenti per l'utente.

E' chiaro che quanto maggiori sono le dimensioni in kWh della batteria, tanto minore è la frequenza di ricarica, con una 'vita' che proporzionalmente più essere più lunga. AutoPlus fa un esempio: una Bmw i3 con una distanza media percorsa di 250 km per ogni 'pieno' di energia e 1.000 ricariche può arrivare ad una vita della propria batteria di almeno 250.000 chilometri, cioè un chilometraggio superiore ai 200.000 km di un modello termico.
Ancora meglio con una Volkswagen ID.3 dotata di batteria da 77 kWh. In questo caso con 1.500 ricariche necessarie per sfruttare un'autonomia (teorica) di 500 km, la percorrenza massima di questo modello sale addirittura a 750.000 chilometri.

Sull'argomento non ci cono però molte statistiche e la relativa bassa età media delle auto elettriche non contribuisce a creare una base dati affidabile.
Solo Tesla - può sembrare strano - ha pubblicato rapporti precisi. Secondo il rapporto ambientale 2019 della Casa di Palo Alto, la batteria di una Model S conserva il 90% della sua capacità dopo 321.000 km negli Stati Uniti e dopo 241.000 km in Europa. Il produttore americano afferma addirittura che potrà superare un milione di miglia (1,6 milioni di km) quando i clienti potranno impiegare le nuove batterie 4680. AutoPlus ricorda anche che seguendo alcune semplici regole è possibile aumentare la durata della batteria e quindi il chilometraggio massimo raggiungibile nella prima vita di un'auto elettrica. Per garantire il migliore comportamento del tempo è consigliabile non andare mai agli estremi dell'indicatore di carica, cioè non scendere al di sotto del 10% e di caricare oltre il 90%.

La seconda regola - che è in netto contrasto con ciò che chiedono gli utenti ed anche ciò che stanno facendo i gestori dee infrastrutture - è quella di ricorrere il più possibile alla ricarica lenta, ad esempio a casa, e riservare il boost veloce alle colonnine in corrente continua ai casi di vera necessità (ad esempio nei lunghi viaggi in autostrada con tempi imposti di arrivo).    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie