Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rc auto: verso l'ok definitivo a norme Ue sulle persone lese

Rc auto: verso l'ok definitivo a norme Ue sulle persone lese

In cdm probabile l'ultimo esame per recepimento della direttiva

ROMA, 10 maggio 2023, 19:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Arriverà probabilmente domani in cdm per l'approvazione definitiva - dopo l'esame del preconsiglio di oggi - il decreto legislativo di recepimento delle norme europee sull'rc auto inserite nella direttiva Ue 2021/2118.
    Il decreto legislativo è già stato esaminato in via preliminare lo scorso 16 febbraio. L'obiettivo della direttiva è quello di garantire la parità di tutela minima delle persone lese a seguito di incidenti derivanti dalla circolazione stradale in tutto il territorio dell'Unione europea, assicurare la loro protezione in caso di insolvenza delle imprese di assicurazione e garantire parità di trattamento da parte degli assicuratori delle attestazioni di sinistralità pregressa dei potenziali assicurati che attraversano le frontiere interne dell'Unione. Le nuove norme rendono inoltre obbligatorio e omogeneo, in tutti i Paesi europei, l'intervento risarcitorio del Fondo di garanzia in caso d'insolvenza di un assicuratore auto e a garantire, in caso di fallimento d'imprese estere operanti in regime di libera prestazione di servizi o di stabilimento, il diritto di rivalsa del Fondo che ha risarcito il danneggiato nei confronti del Fondo del Paese di origine dell'impresa insolvente.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza