Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lilou Wadoux chi è la 22enne pilota prima in LM GTE-Am a Spa

Lilou Wadoux chi è la 22enne pilota prima in LM GTE-Am a Spa

Su Ferrari 488 ufficiale. Ha iniziato a 16 anni con 208 Racing

ROMA, 02 maggio 2023, 10:04

Redazione ANSA

ANSACheck

Lilou Wadoux chi è la 22enne pilota prima in LM GTE-Am a Spa © ANSA/Ferrari

Lilou Wadoux chi è la 22enne pilota prima in LM GTE-Am a Spa © ANSA/Ferrari
Lilou Wadoux chi è la 22enne pilota prima in LM GTE-Am a Spa © ANSA/Ferrari

Alla recente prova sul circuito di Spa-Francorchamps del FIA World Endurance Championship a far notizia è stato - più della nuova vittoria assoluta della dominante Toyota GR010 - il primo posto nella categoria LM GTE-Am di Lilou Wadoux, donna pilota di 22 anni che ha portato vittoriosa al traguardo la Ferrari 488 di AF Corse della Richard Mille Racing insieme ai compagni Luis Perez Companc e Alessio Rovera.
    La Wadoux, che è nata ad Amiens in Francia 10 aprile 2001, è diventata così la prima donna a vincere una gara in qualsiasi classe nel FIA World Endurance Championship e - grazie al secondo posto a Portimao in Portogallo - si trova ora in testa a questo specifico campionato. È la stessa Wadoux a raccontare la sua carriera al volante delle auto da corsa: "Ho iniziato con i kart all'età di 14 anni nel tempo libero - ricorda attraverso il suo sito internet - e sulle piste ho incontrato Julien e Florian Briché. Abbiamo legato e tutto è andato molto velocemente".
    "Dopo l'acquisto del primo kart da competizione, dopo l'allenamento e dopo le prime gare di karting all'alba dei miei 15 anni ho avuto la possibilità di effettuare una prova in pista con una Peugeot 206 da competizione. Mi sono subito sentito nel mio elemento e le corse automobilistiche sembravano il passo logico successivo nella mia carriera". "Questo - prosegue la Wadoux - sapendo che Florian stava guidando nel campionato Peugeot. L'anno in cui ho compiuto 15 anni ho avuto la possibilità di allenarmi su circuiti leggendari come Magny Cours, Dijon e di seguire il team JSB Competition nelle gare europee che si svolgevano a Spa Francorchamps, al Nurburgring".
    "E soprattutto ho potuto acquistare la mia prima auto da corsa, una Peugeot 208 Racing Cup che abbiamo completamente assemblato nelle officine del team. Dopo 2 stagioni complete nella 208 Racing Cup e 1 stagione nella 308 TCR Europe, ho preso parte al campionato Alpine Europa Cup e nel 2021 ho partecipato alla mia seconda stagione nella Alpine Europa Cup".
    Con il secondo posto in questo campionato Lilou Wadoux si è fatta notare nel mondo dei top team a 'ruote coperte' ed ha avuto la possibilità di guidare una Toyota GR010 Hybrid (analoga all'Hypercar vittoriosa alla 24 Ore di Le Mans e nei campionati WEC 2021 e 2022) in un test post-stagione per piloti emergenti e diventare la prima donna a guidare un'auto LMP1 in un evento in pista in oltre un decennio.
    Al termine della gara di Spa-Francorchamps la Wadoux ha commentato: "Sono orgogliosa di questo che è anche il mio primo successo come pilota ufficiale Ferrari. Per questo voglio ringraziare tutti a partire dai miei compagni e il team AF Corse che ha svolto un grande lavoro. Il fatto di essere la prima donna pilota ad aver vinto una gara del FIA WEC mi fa piacere ma, lo dico spesso, quello che mi interessa è gareggiare e non la differenza di genere". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza