Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rubano auto e fanno 'cavallo di ritorno'

Rubano auto e fanno 'cavallo di ritorno'

Due arresti dei Carabinieri nel Casertano

CASERTA, 14 aprile 2023, 13:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Rubavano auto e provavano a rivenderle ai proprietari secondo il collaudato e illecito metodo del "cavallo di ritorno". E' l'accusa contestata a due persone, un uomo ed una donna residenti nel Napoletano, arrestate dai carabinieri di Aversa (Caserta) su ordine del Gip del Tribunale di Npaoli Nord, e poste ai domiciliari per furto aggravato ed estorsione. L'indagine è stata coordinata dalla Procura di Napoli Nord e ha riguardato un periodo compreso tra maggio e dicembre del 2022.
    I carabinieri della Compagnia di Aversa hanno pedinato e intercettato i due sospetti, accertando la quantità di furti e di estorsioni realizzate ai danni di proprietari dei veicoli, cui venivano chieste somme tra i 500 e i 2500 euro; spesso però i derubati non accettavano di pagare per riavere l'auto, e a quel punto i due ladri smontavano le vetture e i pezzi li rivendevano, guadagnandoci comunque. Nel mirino dei due utilitarie e comunque auto non di lusso; venivano prese di mira le persone che non potevano fare a meno della vettura per spostarsi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza