Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Auto clonate e rivendute ad ignari acquirenti, un arresto

Auto clonate e rivendute ad ignari acquirenti, un arresto

Indagine Procura di Napoli Nord e Polstrada di Benevento

CASERTA, 07 aprile 2023, 13:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una persona arrestata e altre quattro indagate in un'indagine della Procura di Napoli Nord che ha scoperto un giro di auto rubate e poi clonate per essere rivendute come "grandi occasioni", attraverso un sito internet, ad ignari acquirenti. L'indagine è stata effettuata dalla Polizia Stradale di Benevento, che ha compiuto accertamenti su tre auto rubate nel Beneventano, in particolare due Jeep Renegade e una Fiat 500 X, accertando che erano state clonate da un gruppo di persone residenti nel Casertano, con a capo un 41enne che è stato arrestato.
    E' emerso che sulle tre auto sono stati cancellati i numeri di telaio e sono stati impressi dati identificativi di altre vetture regolarmente circolanti in altre regioni; gli indagati predisponevano inoltre carte di circolazione e certificati di proprietà contraffatti, i cui moduli - è emerso - sono stati sottratti dagli uffici siciliani delle Motorizzazioni Civili e compilati in modo da far comparire che la proprietà fosse degli indagati.
    Le auto così clonate sono state pubblicizzate su un sito e vendute a persone inconsapevoli del raggiro. La vendita avveniva nei pressi di agenzie di pratiche automobilistiche, dove avveniva il trasferimento di proprietà delle auto e il passaggio dei soldi. Gli indagati rispondono di riciclaggio, ricettazione, truffa, falso materiale commesso dal privato in atto pubblico, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza