Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Silk-Faw, la Gdf indaga per tentata truffa aggravata

Silk-Faw, la Gdf indaga per tentata truffa aggravata

Fiamme Gialle in Invitalia: joint venture chiese 38 milioni Pnrr

REGGIO EMILIA, 14 marzo 2023, 11:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 La guardia di finanza di Reggio Emilia indaga per tentata truffa aggravata ai danni dello Stato nei confronti di Silk-Faw, la joint venture sino-americana delle hypercar elettriche di lusso sportive. A riportarlo è il Resto del Carlino di Reggio Emilia che, dà notizia di un blitz da parte delle Fiamme Gialle negli uffici di Invitalia a Roma.
    Sono state infatti sequestrate le pratiche - in corso di valutazione dall'agenzia governativa per l'attrazione degli investimenti - con le quali Silk-Faw aveva inoltrato una domanda per ottenere 38 milioni di aiuti tramite accesso ai fondi del Pnrr, promettendo 380 milioni di investimenti. Al momento l'inchiesta coordinata dal sostituto procuratore di Reggio Emilia, Piera Cristina Giannusa - scattata da un esposto presentato nel luglio scorso dal deputato reggiano Gianluca Vinci di Fratelli d'Italia - è senza indagati. Ma da modello 45 (senza ipotesi di reato) è passato a 'contro ignoti'. Inoltre, gli inquirenti stanno scandagliando i conti dell'azienda e il giro di finanziamenti con altre società afferenti (soprattutto alcune operazioni depositate e transitate dalle Isole Cayman) per accertare se possa sussistere anche un'ipotesi di riciclaggio. Proprio nei giorni scorsi, la Regione Emilia-Romagna ha stracciato l'accordo con Silk-Faw per l'insediamento del mega stabilimento produttivo promesso a Gavassa di Reggio Emilia (terreno mai neppure acquistato dalla società) e ha revocato i 4,5 milioni di euro di finanziamento pubblico che aveva assegnato tramite bando.

 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza