Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

F1: Red Bull Verstappen già brilla, Ferrari Sainz è 3/a

F1: Red Bull Verstappen già brilla, Ferrari Sainz è 3/a

Alonso è secondo, Vasseur cambia capo strategia 'sensazioni ok'

ROMA, 23 febbraio 2023, 19:13

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

La Red Bed Bull di Max Verstappen davanti a tutti con la Ferrari però piuttosto vicine. La stagione 2023 parte da dove era finita a guardare la prima giornata dell'unica sessione (tre giorni) di test invernali prevista prima del via del Mondiale il 5 marzo con il Gran Premio del Bahrain. Sulla stessa pista quella nel deserto di Sakhir a dominare è ancora l'olandese volante che ha messo in mostra una RB19 subito veloce e sicura di sé. Alle spalle del campione del mondo Carlos Sainz che nella sessione del mattino si è fermato a meno di tre decimi dal rivale della scuderia austriaca, chiudendo poi la giornata di prove al terzo posto. Più lento Charles Leclerc che ha girato nel pomeriggio mostrando dei preoccupanti problemi di saltellamento della SF-23 nelle curve veloci, ma piazzandosi poi ai piedi del podio virtuale. Dietro al campione del mondo l'Aston Martin di Fernando Alonso. Quinto tempo per la McLaren di Norris, sesta la Mercedes di Lewis Hamilton. Una giornata in Bahrain che per la Ferrari era scattata con la notizia di una sostanziale rivoluzione per quanto riguarda la strategia ai box dove lo scorso anno il Cavallino Rampante aveva mostrato diversi limiti. Il nuovo team principal della Ferrari Frederic Vasseur ha stabilito un cambio al vertice delle strategie della squadra, promuovendo a leader del muretto il giovane Ravin Jain, ingegnere britannico di origine indiana, arrivato a Maranello nel 2016, pupillo della Engineering Academy di Maranello e già braccio destro di Inaki Rueda. È proprio la sostituzione di quest'ultimo la vera notizia, perché lo spagnolo era a capo dell'area tattica fin dall'inizio del ciclo targato Maurizio Arrivabene (2015). Sulla prima giornata della Ferrari in Bahrain si è poi espresso positivamente proprio Vasseur: "È una fase preliminare, ma le sensazioni son buone. Era importante fare chilometri, stiamo sviluppando il piano previsto - ha detto il team principal della scuderia di Maranello - La Ferrari è un grande team, le sensazioni sono positive e tutto è andato bene - spiega Vasseur - Tutti i team di Formula 1 hanno lo stesso Dna, ma qui le motivazioni e la passione che circonda la squadra è più visibile. Quando sei un racer, però, lo sei in Italia come in altri Paesi". Il primo pilota della Ferrari a scendere in pista è stato Carlos Sainz che, per la prima volta, sta lavorando fianco a fianco con Vasseur. Lo spagnolo era un "vecchio pallino" del team principal: "Sono stato vicino a lavorare con lui alla Renault, poi ho provato a prenderlo alla Sauber, ma non ha voluto - ha raccontato - Sainz è un pilota solido, adesso siamo insieme dopo essere stati vicini a lungo. Le sensazioni sono buone, sono soddisfatto della coppia di piloti". Discorso diverso, invece, per Charles Leclerc, ritrovato da Vasseur dopo tre anni: "Adesso è più maturo - conclude il team principal della Rossa - Finora sta andando bene, ma lui ha fatto bene in qualunque team. Ci vogliamo bene e c'è collaborazione".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza