Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Traffico auto rubate, polizia confisca beni per 600mila euro

Traffico auto rubate, polizia confisca beni per 600mila euro

Ad un 56enne di Leinì, nel Torinese

TORINO, 22 febbraio 2023, 11:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 La polizia della Questura di Torino ha confiscato beni per 600mila euro ad un 56enne residente a Leinì, con alle spalle diverse condanne definitive per delitti contro il patrimonio. In particolare l'uomo, nel 2020, era finito dentro un'inchiesta della polizia stradale del capoluogo piemontese in quanto appartenente ad una banda dedita al furto e alla ricettazione di autovetture di lusso. Una volta rubate le vetture venivano smontate in varie parti e poi esportate in Marocco. L'uomo è stato condannato in primo grado nel 2021. Tra i beni confiscati, anche la società di autodemolizione, fittiziamente intestata ad un familiare, attraverso la quale il 56enne avrebbe svolto proprio l'attività di furto dei veicoli di lusso. Dalle indagini degli investigatori della Divisione Polizia Anticrimine è emerso che l'uomo dichiarava redditi alla soglia della povertà, mentre invece ostentava un elevato tenore di vita. Oltre la società di autodemolizione è stata confiscata anche una villa dal valore di mezzo milione di euro, abitata dal 56enne ma intestata anch'essa ad un suo familiare.
    Sequestrata un'autovettura, diversi automezzi utilizzati per l'attività di impresa e dei conti correnti riconducibili alla stessa. Infine il Tribunale di Torino ha emesso a suo carico la misura di prevenzione della sorveglianza speciale per tre anni, con obbligo di dimora nel comune di residenza. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza