Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fisco: vende auto con Iva "ridotta", fermato per un anno

Fisco: vende auto con Iva "ridotta", fermato per un anno

Sequestro di 500 mila euro a imprenditore del Potentino

POTENZA, 02 febbraio 2023, 16:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La misura interdittiva del divieto di esercitare l'attività per un anno e il sequestro preventivo di "somme di denaro e beni" per 500 mila euro sono stati eseguiti dalla Guardia di Finanza a carico di un imprenditore di Rapolla (Potenza) che opera nel settore del commercio di automobili. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza hanno accertato che l'imprenditore, per evadere l'iva dal 2012 al 2017, avrebbe commercializzato in Italia autoveicoli acquistati in Paesi europei "applicando, indebitamente, un'aliquota iva ridotta". Ciò gli avrebbe assicurato "un ingiusto profitto patrimoniale, corrispondente all'importo dell'iva illecitamente sottratta all'erario con un corrispondente danno per lo Stato per oltre 500 mila euro". L'uomo è indagato per dichiarazione fraudolenta, truffa ai danni dello Stato, trasferimento fraudolento di valori e falso ideologico in atto pubblico. Dalle indagini, inoltre, è emerso che l'imprenditore, "con la complicità di alcuni prestanome, ha altresì costituito e gestito società, intestate a questi ultimi, allo scopo di proseguire la fraudolenta attività commerciale e porre in essere ulteriori illecite attività finalizzate ad ottenere finanziamenti pubblici regionali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza