Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Chi viola il codice della strada sarà assistente pedonale

Chi viola il codice della strada sarà assistente pedonale

A Bologna parte progetto con Associazione familiari e vittime

BOLOGNA, 26 gennaio 2023, 16:17

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Imputati, indagati o condannati per reati in violazione del Codice della Strada diventeranno 'assistenti pedonali' a Bologna. Il capoluogo emiliano è la settima città del Paese, la seconda Città metropolitana dopo Torino, ad avviare il progetto 'Ruote ferme, pedoni salvi', ideato dall'Afvs - Associazione familiari e vittime della strada, con il patrocinio del Ministero della Giustizia e di Anci.
    Il protocollo d'intesa è stato siglato oggi in Comune dal comandante della Polizia Locale Romano Mignani e dalla delegata dell'associazione Silvia Frisina. Saranno 20 i primi assistenti messi a disposizione per il servizio, presi in carico dall'ufficio interdistrettuale di esecuzione penale esterna di Bologna, con riferimento sia alla messa alla prova, sia alla pena sostitutiva per i reati di guida in stato di ebrezza alcolica e sotto effetto di stupefacenti.
    Dopo un periodo di breve formazione da parte degli agenti di Polizia locale, gli imputati, indagati, condannati svolgeranno funzioni di presidio degli attraversamenti pedonali a rischio, in particolare vicino alle scuole e agli uffici giudiziari.
    Ognuno sarà dotato di pettorina ad alta visibilità e paletta.
    "E' un progetto di sicurezza stradale a tutela dell'utenza più debole, con una finalità rieducativa per le persone che possono ricucire il patto violato con la società - spiega Frisina - Quale miglior modo per riparare se non sulla strada, il luogo dove hanno commesso il reato".
    Il Comune sta definendo le aree nelle quali introdurre i nuovi assistenti pedonali. "Si partirà dalla strada scolastica di via di Vincenzo davanti alle scuole Testoni - spiega l'assessore alla Scuola Daniele Ara - Prossima strada potrebbe essere Vicolo Bolognetti davanti alle Guido Reni".
    In altre città che hanno aderito all'iniziativa questo lavoro di pubblica utilità è svolto anche da persone che hanno commesso omicidio stradale: "Speriamo di farlo anche a Bologna - aggiunge Frisina - Noi siamo sempre a favore della possibilità di riparazione. In caso di omicidio stradale, si muore in due, la vittima e in qualche modo anche chi lo ha causato. Partecipare a progetti di questo tipo è un messaggio importante, un po' come fosse la pena del contrappasso".  

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza