Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Benzina: Ventimiglia, conviene ancora fare pieno in Italia

Benzina: Ventimiglia, conviene ancora fare pieno in Italia

Nonostante le accise. In passato meglio fare pieno in Francia

VENTIMIGLIA, 14 gennaio 2023, 16:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessuna corsa ai distributori in Francia per il caro benzina e l'impennata delle accise. Anzi, anche se solo per pochi centesimi, il pieno conviene ancora in Italia e solo in alcuni casi c'è una minima differenza a favore dei distributori d'oltralpe. A confermarlo è Roberto Parodi, segretario dei Frontalieri Autonomi Intemeli, di Ventimiglia. "Da settembre a novembre dell'anno scorso - afferma - quand'era in vigore lo sconto di trenta centesimi al litro applicato dal governo Macron sul carburante, la benzina conveniva ancora in Francia. Ora, però, non c'è molta differenza". Proprio in quel periodo, infatti, si registravano code di italiani ai distributori della vicina Costa Azzurra. Nel frattempo, sempre in Francia c'è stato lo sciopero delle raffinerie, che hanno lasciato all'asciutto numerose stazioni di servizio e la situazione si è ribaltata, con la corsa verso i distributori italiani. Oggi, poco cambia anche se come dice Parodi "dipende dalle zone, i prezzi possono variare di parecchio tra un distributore e un altro, c'è molta più libertà".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza