Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Patenti facili: smantellata organizzazione, favoriva stranieri

Patenti facili: smantellata organizzazione, favoriva stranieri

Attiva in tutta Italia, con radici venete

VICENZA, 05 gennaio 2023, 15:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Smantellata un'organizzazione cheproponeva da anni di far ottenere illecitamente la patente di guida a stranieri: un affare che poteva fruttare, per ogni candidato presentato, dai 2.000 ai 3.000 euro. L'indagine, della Polizia Locale di Verona diretta da Luigi Altamura, in sinergia con la Polizia Stradale di Vicenza, ha portato alla denuncia di 8 persone (1 a Verona, 2 a Vicenza, 2 a Trento, 2 a Bergamo ed 1 a Sondrio). Sono attualmente al vaglio le posizioni di ulteriori 40 persone. A capo del sodalizio un pakistano, residente nel vicentino, che si avvaleva di una folta rete di collaboratori sparsi nelle regioni del nord Italia, ma con qualche cellula anche nel Lazio. Grazie a questa fitta rete di persone che si proponevano quali intermediari per l'ottenimento di patenti di guida, il pakistano era riuscito a garantirsi cospicue somme di denaro con la garanzia di far ottenere la patente di guida italiana. Lo straniero si occupava con i suoi complici delle questioni burocratiche: prenotava le visite mediche e portava il candidato presso le scuole guida curando l'iscrizione e concordando la data in cui lo stesso doveva presentarsi per svolgere la prova, consegnando, nel giorno dell'esame, una felpa, un giaccone o una camicia contenente una microcamera. Successivamente inseriva un micro-auricolare nell'orecchio e dava le istruzioni sul comportamento da tenere in aula durante le prove. Unico compito del candidato era di posizionare il monitor con le domande a favore della microcamera e attendere le risposte. Dalle indagini, partite a maggio del 2022, è emerso che alcuni candidati sono stati portati da Vicenza fino a Roma. Sono state inoltre delineate le scuole guida in cui il pakistano era solito appoggiarsi per l'iscrizione dei candidati e i luoghi in cui era uso acquistare il materiale elettronico. Sono state sequestrate, in 4 perquisizioni, telefoni cellulari, schede sim card, auricolari, magliette e mascherine FFP2 già predisposte con telecamere e micro fori, router Wi-Fi , pratiche di iscrizioni presso scuole guida già compilate e pronte ad essere presentate, agende con la rendicontazione dei guadagni ottenuti, fototessere, copie di documenti di extracomunitari, 4.750 euro in contanti oltre a documenti falsi, di pregevole fattura già stampati e pronti all'uso. Per alcune decine di candidati verrà proposto alle Motorizzazioni civili l'annullamento della patente di guida

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza