Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Benzina: 'sui prezzi incide non solo stop sconto accise'

Benzina: 'sui prezzi incide non solo stop sconto accise'

Staffetta Quotidiana: 'Tornati a livello di fine luglio'

ROMA, 04 gennaio 2023, 15:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono tornati al livello di fine luglio i prezzi di benzina e gasolio alla pompa, con il secondo aumento delle accise scattato il primo gennaio, dopo il primo balzello di inizio dicembre. La congiuntura ribassista sui mercati petroliferi ha dunque evitato uno shock eccessivo, anche se i prezzi medi nazionali in modalità servito hanno toccato la soglia psicologica dei 2 euro/litro. Lo scrive Staffetta Quotidiana. A spingere i prezzi, però, non sono state solo le accise. Dal primo gennaio, come anticipato dalla Staffetta, sono infatti salite altre due voci che incidono sui prezzi: il costo di miscelazione dei biocarburanti nei carburanti "fossili", passato da 5,5 a 6 centesimi al litro; e i "delta" che le compagnie applicano sul Platts ai rivenditori. Quanto a questa seconda voce, la Staffetta ha riportato prime indiscrezioni su incrementi tra 10 e 45 euro per mille litri (pari a 1-4,5 cent/litro). Balzelli che avranno effetti sull'extrarete e soprattutto sulle "pompe bianche", dove cioè è per lo più destinato il prodotto ceduto dalle compagnie ai rivenditori. Un ennesimo "giro di vite" da parte dei fornitori che fin dallo scorso marzo, in corrispondenza con il picco dei prezzi e con le incertezze dovute all'invasione russa dell'Ucraina, hanno adottato politiche estremamente "prudenti" su volumi e prezzi.
    Una dinamica che potrebbe accentuarsi ulteriormente, anche nel senso di possibili contingentamenti, soprattutto in vista dell'entrata in vigore dell'embargo sui prodotti raffinati provenienti dalla Russia, il prossimo 5 febbraio. Tornando ai prezzi, salgono con forza le medie settimanali dei prezzi di benzina, gasolio e Gpl, in calo il metano. La benzina self service è a 1,693 euro/litro (+57 millesimi, valori arrotondati), servito a 1,841 euro/litro (+59). Diesel rispettivamente a 1,757 euro/litro (+55) e 1,905 euro/litro (+57). Gpl servito a 0,774 euro/litro (+8), metano a 2,352 euro/kg (-36). Sempre sui minimi storici lo "sconto" pompe bianche, a 2 millesimi sulla benzina self service e a 11,9 cent sul servito; azzerato sul gasolio self e a 11,9 cent sul servito. In lieve calo il sovrapprezzo per chi fa il pieno in autostrada rispetto alla rete ordinaria: 9,7 cent/litro per la benzina self e 8,7 per il gasolio self, 21,3 per la benzina servito e 20,3 per il gasolio servito.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza