Germania, industria auto preoccupata da tensioni Cina Taiwan

Analisti: una crisi avrebbe conseguente disastrose sul settore

Redazione ANSA ROMA

 L'industria automobilistica tedesca ha bisogno dell'enorme mercato e degli impianti di produzione in Cina ma anche dei semiconduttori e dell'alta tecnologia di Taiwan. Ecco perché le tensioni fra questi due Paesi asiatic preoccupano, e non poco, gli analisti tedeschi.
    Lo sottolinea un'analisi Berlin Mercator Institute for China Studies (MERICS) in cui il capo economista Max Zenglein afferma che "un conflitto militare a Taiwan è probabilmente la più grande minaccia alle strette relazioni economiche tra Germania e Cina che si sono sviluppate negli ultimi decenni. Una escalation comporterebbe una reazione a catena con conseguenze economiche negative di vasta portata - ha detto Zenglein e le interruzioni delle principali catene di approvvigionamento o le potenziali sanzioni economiche contro la Cina per l'aggressione contro Taiwan comporterebbero enormi costi economici".
    Secondo Zenglein i crescenti rischi geopolitici stanno attualmente mostrando in tutta chiarezza quanto siano fragili i processi di produzione globalizzati. "L'invasione russa dell'Ucraina, la dipendenza dell'Europa dall'energia russa e i problemi di approvvigionamento causati dai blocchi in Cina a causa della sua politica zero-Covid hanno già reso l'economia tedesca dolorosamente consapevole di quanto sia dipendente dalla Cina. Se il mondo occidentale si rivoltasse contro la Cina a causa di una guerra per Taiwan, come contro la Russia, l'economia tedesca e globale potrebbe essere colpita duramente".
    A sua volta - riferisce il periodico Handelsblatt - il membro del consiglio di amministrazione della Camera di commercio tedesca in Cina (AHK), Jens Hildebrandt sottolinea l'importanza del mercato cinese per l'economia tedesca. "La Cina è il centro degli hub di produzione per importanti prodotti preliminari e fornitori in un'ampia varietà di settori. Un'altra perdita di prodotti primari e intermedi dalla Cina darebbe all'economia tedesca una prospettiva preoccupante. L'economia tedesca ei consumatori tedeschi ne hanno chiaramente sentito gli effetti" - ha affermato Hildebrandt.
    La Cina è da sei anni il principale partner commerciale della Germania e, dopo gli Stati Uniti, il suo più grande mercato di esportazione. Al contrario, la Germania è anche il mercato di esportazione più importante per le aziende cinesi all'interno dell'UE.
    "È importante riconoscere che le relazioni economiche tedesco-cinesi sono una questione di dipendenza reciproca". Un conflitto militare su Taiwan colpirebbe le catene di approvvigionamento globali, in particolare a causa del ruolo centrale della repubblica insulare nei semiconduttori e in altri componenti high-tech per l'ingegneria elettronica. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie