Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gunn, dai Guardiani della galassia al giovane Superman

Gunn, dai Guardiani della galassia al giovane Superman

Il volume 3 della saga dal 3/5. Nuova sfida in casa Dc Films

ROMA, 30 aprile 2023, 10:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dodici anni fa, "quando ho iniziato a lavorare al progetto, avrei solo potuto sognare che i Guardiani della Galassia assumessero anche una rilevanza culturale, per quanto sul piano della storia ero fiducioso. Sentivo che stavamo facendo qualcosa di diverso, che il mondo potesse aver bisogno di un fantasy spaziale diverso da tutto ciò che si era visto fino a quel momento". Parola di James Gunn, regista re Mida dei superhero movies, che con Guardiani della galassia: volume 3, in uscita il 3 maggio con Disney, archivia il suo percorso con la banda disfunzionale di supereroi/antieroi dello spazio, creata per i fumetti Marvel nel 1969 da Arnold Drake e Gene Colan e rinnovata nel 2008 da Dan Abnett e Andy Lanning. Nel cast tornano Chris Pratt, nei panni del leader del gruppo Peter Quill/Star Lord, Zoe Saldana (Gamora), Karen Gillan (Nebula) Dave Bautista (Drax), Pom Klementieff (Mantis), Bradley Cooper come voce in originale per il procione modificato geneticamente Rocket, Vin Diesel per la pianta antropomorfa Groot. Fra le new entry: Chukwudi Iwuji, per il villain, L'Alto Evoluzionario; Will Poulter, e Maria Bakalova per la voce del cane 'spaziale' Cosmo. Un ensemble con il quale si dà vita al capitolo più compiuto, dove all'ironia e una playlist, spina dorsale della storia (da Creep degli Radiohead a Badlands di Springsteen), stavolta si aggiungono anche una componente distopica horror più marcata legata ad esperimenti sugli animali e l'incubo visionario di poter creare inquietanti mondi perfetti. Al centro della trama c'è Rocket e il traumatico passato al quale lo riporta l'Alto Evoluzionario, che lo considera la chiave per creare un mondo perfetto.
    Il film, come i primi due capitoli, promette di dominare di nuovo al botteghino. Un modo perfetto per Gunn di archiviare (almeno per ora) il sodalizio con la Marvel e immergersi nella nuova avventura, come nuovo co-ceo dei Dc Studios, per i quali è al lavoro come regista di Superman: Legacy, sul supereroe negli anni giovanili. Per interpretarlo, Gunn cerca "qualcuno che trasmetta tutta l'umanità di Superman - ha spiegato a Variety -.
    Deve avere la sua gentilezza ed empatia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza