Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Vasco Rossi e i 40 anni di Vita spericolata

Vasco Rossi e i 40 anni di Vita spericolata

Inno generazionale. Da Sanremo 1983 in fondo alla classifica alle vette di un successo intramontabile

04 febbraio 2023, 11:35

di Giorgiana Cristalli

ANSACheck

Vasco Rossi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Vasco Rossi - RIPRODUZIONE RISERVATA
Vasco Rossi - RIPRODUZIONE RISERVATA

Compie 40 anni 'Vita spericolata', inno generazionale targato Vasco Rossi. Era il 3 febbraio 1983 quando il giovane Blasco presentava sul palco di Sanremo la sua canzone intimista, strafottente e, per i detrattori, maledetta. Incredibilmente la carriera del rocker più acclamato d'Italia, anticonformista e trasgressivo, si intreccia con la storia del Festival più nazionalpopolare. Finita in fondo alla classifica, 'Vita spericolata' divenne una hit da record. Un anno prima, sempre a Sanremo (definito dallo stesso Vasco, anni dopo, "l'unico posto in Italia dove si può entrare da esordienti ed uscire in odore di gloria") aveva portato 'Vado al massimo'. Il concetto era sempre quello, vivere una vita senza limiti.

"Nell' '83 sono tornato a Sanremo -spiegò Vasco - per riconoscenza nei confronti di Gianni Ravera che mi aveva dato carta bianca l'anno prima e solo perchè avevo la canzone giusta, 'Vita spericolata', una bomba, che avevo appena finito di scrivere". Successivamente raccontò su Instagram i dettagli sull'ispirazione della sua canzone manifesto, concepita in auto mentre fuori pioveva. "Il mio primo concerto in Sardegna fu proprio nel 1982, nel campo sportivo di Assemini (a 20 km da Cagliari, ndr). Proprio lì - rivelò - mi venne l'idea di scrivere 'Voglio una vita spericolata', ispirato da questa meravigliosa terra cruda e selvaggia, orgogliosa e fiera, di sassi, di sole e di vento".

'Vita spericolta', divenuto negli anni uno dei titoli più citati, che ha ispirato fiumi di inchiostro e scomodato fior di intellettuali e filosofi, è tornata sul palco di Sanremo con il suo autore nel 2005, in versione acustica, con il fido Maurizio Solieri ad attaccare il celebre giro di chitarra iniziale accompagnando Vasco. "Sono qui - disse in quell'occasione il rocker a Paolo Bonolis, che conduceva il Festival - perchè voglio ringraziare questo palco e questa manifestazione che per me è stata l'inizio di un'avventura straordinaria. Poi vorrei salutare tutti quelli che in questo momento stanno guardando Sanremo e che domani diranno che non lo guardavano".

E' proprio Vasco l'autore della voce "spericolato" nel vocabolario della lingua italiana Zingarelli 2019. Chi, se non il rocker che canta "Voglio una vita spericolata, maleducata, come quelle dei film, che se ne frega di tutto, sì...", tra "whisky al Roxy Bar" e analogie con la vita di Steve McQueen, poteva scrivere questa definizione d'autore? Eccola: "Spericolato, rischioso, avventuroso. Nel senso che dice Nietzsche, vita vissuta pericolosamente e pienamente accettandone le sfide, i rischi, le fatiche, le gioie e le sofferenze. Cercare di prevenire e affrontare gli ostacoli, non evitarli". Dopo la canzone di Vasco, la parola "spericolato" è entrata nell'immaginario collettivo quasi con un'accezione nuova, legandosi in modo indissolubile alle note di quel brano, scritte da Tullio Ferro. Del resto, parole del Blasco, "quando ad un artista arriva una canzone così, può pure finire lì la sua carriera". 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza