Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Jasmine Trinca, io giornalista prigioniera dell'Isis

Jasmine Trinca, io giornalista prigioniera dell'Isis

L'attrice protagonista di 'Profeti' di Alessio Cremonini

ROMA, 24 gennaio 2023, 18:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 PROFETI, in sala dal 26 gennaio con Lucky Red, è la storia di un confronto culturale tutto al femminile tra Sara (Jasmine Trinca), giornalista italiana andata in Medio Oriente per raccontare la guerra all'Isis, e Nur (Isabella Nefar), foreign fighter radicalizzata a Londra che ha sposato un miliziano e ora vive nel Califfato.
    Firmato da Alessio Cremonini, David di Donatello come regista esordiente per SULLA MIA PELLE, il film vede appunto Sara rapita dall'Isis mentre è inviata di guerra e in quanto donna, ritenuta quindi in quell'ambiente un'essere inferiore, affidata ad un'altra donna, Nur, che diventa la sua carceriera con una mission, quella di convertirla all'islamismo. La casa di Nur diventerà la prigione di Sara. Da una parte la foreign fighter piena di fede e sicurezze e dall'altra la giornalista che si sente portatrice di una modernità della quale lei stessa comincia a dubitare. Mentre tutto intorno scoppiano bombe e i nemici dell'Isis vengono bruciati vivi.
    Il film inizia con le parole di una combattente curda intervistata da Sara che dice: "Combatto per i curdi, per la libertà e per le donne. In Medio Oriente, se sei una donna, devi imparare a difenderti il prima possibile. Qui la maggior parte dei regimi è basata sulla sottomissione, sull'oppressione delle donne. È per questo che le uniche persone che possono cambiare questa mentalità sono le donne".
    Dice Jasmine Trinca del suo personaggio: "Per prepararmi ho trascorso tanto tempo a parlare con Domenico Quirico, giornalista rapito in Siria. Mi ha raccontato della mancanza di senso che prende chi viene imprigionato. Nel caso di Sara, lei ha la presunzione di sapere come le donne debbano comportarsi e così verso Nur ha un grande pregiudizio e solo alla fine scopre l'importanza dell'ascolto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza