Tempo Libero

Passione vintage, tutti gli indirizzi giusti a Milano

Cecilia Cottafavi, itinerari per tre giorni tra negozi e mercatini di abbigliamento e non solo

Mercatone dell'Antiquariato © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 02 ottobre 2021
  • 19:51

Il vintage a Milano è molto più che una moda passeggera, la novità è che ora sono le nuove generazioni ad andarne a caccia. Nella guida di Cecilia Cottafavi, autrice del blog Maertens Milano 'A qualcuno piace il vintage' (Bookabook), l'autrice propone itinerari dedicati per tre giorni. Eccoli con le sue parole (estratto gentilmente concesso dalla casa editrice)
Primo giorno: il quartiere vintage Ogni grande città ha un’area in cui si concentrano negozi e mercatini vintage. Poteva mancare a Milano? Certo che no! Il cuore vintage di Milano ha un ampio raggio che dai Navigli arriva sino alle colonne di San Lorenzo. Qui potete trovare negozi d’abbigliamento e di modernariato, librerie antiquarie, negozi di vinili e locali dall’atmosfera rétro. Tracciando un ipotetico percorso dalla fermata metropolitana di Porta Genova, trovate questi negozi d’abbigliamento: Humana, Pourquoi Moi Vintage, Mauro Bolognesi (in realtà è un negozio di modernariato, ma vende anche vestiti di seconda mano firmati), Guendj, Sous Vintage e PWC. Per chi è interessato alla musica ci sono invece Dischivolanti e Il Discomane dove potete acquistare vinili e vecchie riviste sull’argomento. Restando in tema “vecchie riviste” trovate anche una libreria antiquaria: Libri senza data. Infine, lungo il Naviglio Grande si svolge ogni sabato la fiera di Sinigaglia e ogni ultima domenica del mese il Mercatone dell’Antiquariato. Dirigetevi ora in corso di Porta Ticinese, che offre diversi negozi interessanti: Lo specchio di Alice per l’abbigliamento vintage, Serendeepity per i vinili, Scaldasole books e Alfea per i libri di seconda mano e quelli antichi. Una volta arrivati alle colonne di San Lorenzo, imboccate via Gian Giacomo Mora: dopo aver dato un’occhiata ai tre negozi d’abbigliamento, Groupies Vintage, Bivio Milano e Cavalli e Nastri, potete concludere il vostro giro con un aperitivo al Raboucer, un locale con solo arredo vintage. Se invece è ancora presto per l’aperitivo, potete fare un salto in via de Amicis dove, per concludere in bellezza, trovate un’altra sede di Humana Vintage. La cosa che amo di più di questa zona è che, nonostante la grande quantità di negozi, ognuno ha un suo stile e si rivolge a un target diverso: le sciure preferiranno Cavalli e Nastri, i ragazzi più eccentrici PWC e Groupies, le giovani donne Pouquoi Moi Vintage e Sous Vintage. È sicuramente il quartiere migliore per iniziare a esplorare il lato vintage di Milano.
Secondo giorno: Brera è tra i quartieri più incantevoli di Milano, il suo fascino pittoresco non passa inosservato. Tuttavia, è rinomato anche per avere dei locali e dei negozi molto costosi. Per quanto riguarda il mondo del vintage, c’è un’ampia possibilità di scelta, con posti consigliati a chi ha un alto budget di spesa e altri alla portata di tutti. Partendo dai dintorni dell’accademia di Brera, vi consiglio di iniziare il tour da via Ciovasso, dove troverete due negozi, Urzì e Bottega Rossa, adatti a tutte le tasche. Procedendo verso Moscova, incontrerete Surplus, un negozio perfetto per i giovani, con prezzi contenuti. Prima di continuare il giro vi invito a percorrere qualche metro nella stessa via per fermarvi a pranzo da Le Cotolette e gustarvi il piatto tipico della tradizione milanese. Dopo esservi saziati sarete pronti ad ammirare i negozi più costosi: Cavalli e Nastri, Madame Pauline, Lampoo e Vintage Delirium. Vi invito a fare un giro da Vintage Delirium anche se è fuori budget: sembra un vero e proprio museo del vestito, da non perdere!
Terzo giorno: il centro Il centro di Milano è una zona ad alta densità di locali vintage: infatti è la seconda più fornita dopo i Navigli. Contrariamente a quanto si può pensare, i negozi sono accessibili a tutti (con qualche piccola eccezione). Per comodità, vi consiglio di partire da piazza del Duomo e visitare subito Humana Vintage e Napoleone: sono i posti più adatti ai giovani, anche se persino alcune mamme (come la mia) li adorano! A questo punto avete due possibilità: andare verso via Torino e addentrarvi nelle Cinque Vie o proseguire in direzione piazza Missori e arrivare fino a Crocetta. Se optate per il primo percorso, avete come prima tappa Foto Veneta Ottica, un negozio interamente dedicato alla vendita di occhiali vintage new old stock. Successivamente, imboccate via Valpetrosa: qui incontrerete The Cloister, un concept store che con la bella stagione si affaccia su un cortile del Bramante. Lo consiglio in particolare alle sciure con un buon budget di spesa. A pochi passi, in via San Maurilio c’è MyRoom, vivace e colorato, adatto alle giovani ragazze. Infine, facendo ancora qualche passo potete incontrare Vesto Milano, il paradiso delle scarpe di seconda mano. Per chi invece avesse deciso di seguire il percorso che da piazza Missori arriva fino a Crocetta, consiglio di iniziare il vostro giro imboccando corso di Porta Romana: lungo il tragitto incontrerete Viganò1919, una bottega storica dedicata al materiale da ricamo, e Nanni Antichità, un piccolo antiquario che vende accessori bellissimi. Arrivati a questo punto, potete fare uno spuntino da Margy, una squisita hamburgeria aperta nel 1968 in piazza Santo Stefano. Altrimenti potete proseguire verso corso Italia: qui incontrerete Alice in Vintage, un negozio di abbigliamento che è stato in passato un antiquario. Un’altra opzione è quella di continuare a camminare in direzione Porta Romana, ricaricarsi con un dolcetto alla pasticceria Dolcevita e visitare Archetipo Milano, splendido negozio vintage e di seconda mano firmato.

  • Redazione ANSA
  • 02 ottobre 2021
  • 19:51

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie