Tempo Libero

Foto ricordo, l'ormai infinito rullino digitale

Da anni non si stampano più fotografie se non di rado, ecco come organizzare gli album

foto ricordo con lo smartphone foto iStock. © Ansa
  • Redazione ANSA
  • 20 settembre 2020
  • 22:18

Quante foto scattiamo con lo smartphone? Infinite.  I nuovi modelli di telefonino non a caso puntano sulle performance della sezione fotocamera. Senza contare gli appassionati di macchina fotografica. In vacanza soprattutto, ma anche nella vostra vita quotidiana, è facile cedere alla tentazione di immortalare ogni momento. Ma una volta tornati a casa, oppure trascorso qualche mese oppure anno, riguardiamo davvero tutte le fotografie e i video che abbiamo registrato? E come li conserviamo?  Tra i tanti aspetti positivi della rivoluzione digitale, c’è anche la possibilità di immortalare, senza mai finire il rullino, momenti preziosi della nostra vita. La voglia di foto ricordo ci accompagna soprattutto nel periodo di vacanza: quasi un intervistato su due (48% del campione) in un sondaggio di Kingston Technology Europe, scatta infatti una media di oltre 200 immagini durante le proprie ferie estive. Con il rientro in città, è quindi tempo di riorganizzare ricordi e album, che per gli italiani ormai sono per lo più “virtuali”. Il 47% degli interpellati non stampa infatti fotografie da anni e il 29% stampa solo quelle che poi incornicia ed espone in casa.

Per evitare di perdere i propri ricordi, nell’era del digitale, diventa quindi fondamentale organizzare con cura il proprio archivio fotografico – ma non sempre si trova la voglia e il tempo di farlo. Una buona parte del campione ha sfruttato a questo scopo il periodo di calma forzata imposta dal lockdown: lo ha fatto ben il 39 % degli intervistati. In generale, il periodo della quarantena ha spinto molti a riguardare con maggiore frequenza, rispetto al solito, foto e video di vacanze e altri momenti felici: per il 62% è stato un modo per distrarsi e sognare nuove avventure.
Nella vita quotidiana, la maggior parte degli interpellati sfoglia invece i propri ricordi virtuali con gradi altalenanti di frequenza: il 44% lo fa una volta ogni qualche mese; il 25% almeno una volta al mese; il 19% una volta a settimana e il 12%, con una grande maggioranza dei più giovani, praticamente una volta al giorno. Quando lo fanno? Il 28% la sera nel letto, prima di addormentarsi, oppure durante i tragitti in auto o sui mezzi di trasporto (24%).
I ricordi fotografici sono insomma importanti e amiamo conservarli e riguardali. Eppure, a quasi la totalità del campione è capitato di voler immortalare un momento ma di aver terminato la memoria della macchina fotografica o dello smartphone. Se al 59% degli intervistati è capitato solo qualche volta, al 32% succede invece spesso. Solo il 9% è ben attrezzato e attento ad avere sempre spazio. Per non rischiare di perdersi il momento perfetto, è quindi fondamentale disporre di una scheda di memoria adatta alle proprie esigenze.

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie