Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Lidia Ravera: "Pillola contraccettiva gratis alle donne, la maternità sia una scelta e non uno sbaglio"

Lidia Ravera: "Pillola contraccettiva gratis alle donne, la maternità sia una scelta e non uno sbaglio"

La scrittrice sul dibattito dopo la decisione dell'Aifa, servono più consultori per aiutare ragazze e migranti

ROMA, 22 aprile 2023, 22:45

di Francesca Chiri

ANSACheck

Lidia Ravera - RIPRODUZIONE RISERVATA

Lidia Ravera - RIPRODUZIONE RISERVATA
Lidia Ravera - RIPRODUZIONE RISERVATA

 "Quello dell'Aifa mi sembra un piccolo segnale positivo che va nel senso del riconoscimento del valore sociale della maternità. Una funzione essenziale come la riproduzione della specie non può essere lasciata solo sulle spalle delle donne.
    Le donne vanno aiutate, sorrette, accompagnate: tutto quello che legittima e difende la possibilità di scegliere se diventare madri o no è benedetto. Se le donne possono diventare madri quando lo desiderano, quando si sentono pronte e non per sbaglio, per caso, se diventano madri solo quando lo vogliono, allora non cresceranno dei figli infelici. E in questo senso vanno sia la legge 194 che tutta la politica sulla contraccezione". Lidia Ravera, scrittrice e giornalista, da sempre attenta alle battaglie di emancipazione delle donne e dei cambiamenti della società, saluta in un'intervista all'ANSA con soddisfazione il ritorno alla gratuità della pillola anticoncezionale.
    "Tutto si gioca nei primi anni di vita e la responsabilità materna è enorme, determinante: la maternità non può essere affrontata con leggerezza. Bisogna riaprire i consultori e moltiplicarli, aprirne uno in ogni quartiere ed avere al loro interno sempre personale capace di parlare anche alle migranti che vengono nel nostro paese" aggiunge Ravera.
    Intanto, mentre l'Italia si riapre una finestra per una maggiore diffusione della contraccezione, negli Stati Uniti la Corte Suprema americana sospende le restrizioni alla pillola abortiva.
    "Con il femminismo è iniziato qualcosa che non può essere arrestato: un movimento delle coscienze, una presa in carico dei propri diritti e una voglia di libertà che non può essere fermata, è come un torrente in piena. C'è continuamente il tentativo di rimettere le donne nella gabbia della maternità non voluta, ma questo cammino non si può arrestare e la sentenza americana, così come la gratuità della pillola, va in questo senso".
    Eppure in Italia alcuni esponenti della maggioranza e le associazioni per la vita dicono che sono altre priorità e che l'Aifa dovrebbe fare un passo indietro.
    "Ma cosa c'è di più centrale della maternità e della riproduzione? Sdoganare il sesso dalla riproduzione è ridare alle donne la libertà. La maternità è una responsabilità enorme che comincia quando il bambino nasce e dura tutta la vita: è una responsabilità emotiva ed anche economica. Perché siamo alla crescita zero? Non è forse una questione che ha a che vedere con le difficoltà economiche? Perché le donne arrivano a 40 anni per avere un figlio? La contraccezione previene una scelta dolorosa come l'aborto, un costo per le strutture sanitarie e una via crucis per le donne. Oltretutto con l'enorme diffusione della obiezione di coscienza fra i ginecologi, rischia di essere vanificata la legge 194".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza