Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

8 marzo, le 5 situazioni che portano le donne a svalutarsi

8 marzo, le 5 situazioni che portano le donne a svalutarsi

Dal mansplaining al manspread gli atteggiamenti comuni che alimentano il divario di genere

08 marzo 2023, 09:35

Redazione ANSA

ANSACheck

Mansplaining iStock. - RIPRODUZIONE RISERVATA

Mansplaining iStock. - RIPRODUZIONE RISERVATA
Mansplaining iStock. - RIPRODUZIONE RISERVATA

Tra i tanti fattori che rallentano l'equità di genere c'è ne è uno particolarmente odioso: è la svalutazione delle stesse donne verso loro stesse, cosa che accade per tutti i condizionamenti sociali e storici con cui l'universo femminile fa i conti prima ancora di nascere.  Ne parliamo in occasione della Giornata internazionale della donna, 8 mazo, istituita nel 1909 negli Stati Uniti per iniziativa del Partito Socialista Americano, che scelse questa data in memoria dello sciopero e della rivolta di migliaia di camiciaie newyorkesi che, l'anno precedente, avevano rivendicato con forza migliori condizioni di lavoro. In Italia la prima giornata internazionale della donna è stata festeggiata nel 1922, e tutt’oggi vuole ricordare le conquiste sociali e le discriminazioni di cui è stato (ed è ancora) oggetto il genere femminile.
La Sindrome di Cassandra: una profezia che si autoavvera
Interiorizzare il personaggio che la società impone è una condizione comune a molte donne che, in seguito a micro aggressioni quotidiane e dinamiche di sopraffazione - spesso inconsce - (come nelle pratiche di manterrupting e mansplaining), manifestano una rassegnazione circa il proprio ruolo di genere e identità sociale. Tutto questo va a creare una condizione non diagnosticata a livello medico, anche nota come sindrome di Cassandra, che colpisce soprattutto le donne ma non soltanto. Questa prende il nome da uno dei miti più famosi dell’Iliade di Omero, in cui si narra che Apollo, dio della profezia, per conquistare la bella Cassandra, figlia del re di Troia, le fece il dono della “Profezia”. Cassandra, però, negò di soddisfare i desideri di Apollo che si vendicò trasformando il dono in un flagello: da quel momento in poi tutte le predizioni che lei avrebbe fatto, seppur vere, non sarebbero mai più state credute. Così come Cassandra, chi si riconosce nella sindrome tende a non essere preso in considerazione, soprattutto rispetto a previsioni negative sul futuro. Depressione, bassa autostima, senso di inadeguatezza e ricerca dell'approvazione l'esterna sono quindi alcune delle caratteristiche principali del complesso di Cassandra, che portano a svalutarsi e ad adottare di conseguenza un atteggiamento rinunciatario, arrendendosi passivamente al proprio destino. “Questo accade perché quando viene dato risalto al ruolo di genere rigido e stereotipato, anche se inconsciamente, si attivano quei copioni sociali di comportamento che riflettono i pregiudizi, ma che essendo interiorizzati sono già dentro di noi e basta solo un innesco per farci cadere nella trappola dell’adesione allo stereotipo - afferma Federico Russo, direttore clinico di Serenis - Per prendere la patente, ad esempio, riceviamo tutti lo stesso insegnamento su come guidare e fare manovre per entrare in un parcheggio, non ci sono differenze. Ma nel momento in cui è una donna a guidare, c’è la possibilità che vesta inconsciamente i panni di un personaggio stereotipato sulla base delle aspettative della società che la considera come incapace alla guida. Questo potrebbe di conseguenza provocarle ansia e fare in modo che le aspettative predette si realizzino, dando adito così a preconcetti ben noti”.
Le 5 situazioni che portano le donne a svalutarsi
Ma quali sono i pregiudizi e i rapporti di potere che alimentano il divario di genere? Risponde a questa domanda Serenis, centro medico di psicoterapia online che, attraverso il contributo del suo direttore clinico Federico Russo, ha individuato alcuni esempi di situazioni reali che possono portare le donne, ma non solo loro, a svalutarsi.
● Manspread: si tratta di una violazione dello spazio personale e della tendenza - solitamente maschile - di occupare irrispettosamente lo spazio personale altrui. Ci si può trovare sedute sui mezzi pubblici e avere accanto un uomo che, seduto a gambe larghe, invade quello che sarebbe un posto disponibile. Questo comportamento viene spesso tollerato perché non ci si sente autorizzate a rivendicare i propri spazi, o a fare una richiesta che tuteli i nostri interessi per il timore che venga scambiato per un comportamento scontroso e aggressivo. Questo suggerisce come le donne sembrino accettare di rimanere relegate in un angolo e come accettino passivamente un atteggiamento - quello di occupare il loro spazio - che internamente non condividono,
● Mansplaining: si tratta di un atteggiamento tipico di quegli uomini che screditano l’argomentazione dell’altra persona, pur non aggiungendo contenuto significativo. Può capitare, per esempio, che durante una conversazione una donna venga interrotta e che le venga spiegato quello di cui si stava già parlando. Ci sono alte probabilità che, a questo punto, una donna lasci spazio all'altra persona, di solito un uomo, e accetti di farsi spiegare ciò che già sapeva, forse anche meglio. O può accadere che le vengano ribaditi dei concetti o date spiegazioni di cose delle quali era già perfettamente consapevole di tutto, come dando per scontato che “le manchi un pezzo”. Questo comportamento rafforza la disuguaglianza di genere, perché quando un uomo spiega un argomento a una donna in modo paternalistico o condiscendente, rinvigorisce gli stereotipi di genere che si basano sulla presunta minore conoscenza e capacità intellettuale.
Manterrupting: una dinamica ordinaria come la conversazione riflette in realtà il potere sociale e l'asimmetria tra due interlocutori. Si sa, per esempio, che nell'interazione a due, il partner più “forte” è quello che interrompe con più probabilità il discorso, proprio perché abituato a essere colui che si impone. Questa dinamica si riscontra spesso nei contesti lavorativi dominati dagli uomini, come le aule dei consigli di amministrazione, dei tribunali e dei parlamenti. Quando invece a interrompere sono le donne, spesso vengono viste come meno piacevoli, diseducate, più dominanti e più aggressive. Un tale doppio standard mette in luce ancora una volta l'evidente pregiudizio della società, che considera gli uomini come più autorizzati a imporsi delle donne.
● Gender gap lavorativo: le donne fanno più fatica a trovare un lavoro rispetto ai loro colleghi uomini e guadagnano in media il 20% in meno6. Il gender gap a livello lavorativo, però, non si manifesta solo della differenza salariale: esistono atteggiamenti nascosti e pregiudizi inconsci che possono venire a galla alimentando ulteriormente questo divario. Ad esempio, è più probabile che in un contesto lavorativo una donna venga scambiata per stagista rispetto a un uomo, quando magari si tratta dell’opposto. Questo perché ancora oggi una donna ha meno credibilità nella sua professione, specie in quelle storicamente associate ai maschi, e domina il pregiudizio inconscio per cui gli uomini sono naturalmente leader o più adatti a ruoli dirigenziali, rivelando esempi di maschilismo interiorizzato.
● Invalidazioni e luoghi comuni: un esempio concreto vissuto da qualsiasi donna è l’invalidazione da ciclo. Quando si litiga in una coppia e la discussione è accesa capita di alzare il tono della voce per cercare di farsi valere. Il partner, per porre fine alla conversazione, tende ad attribuire la colpa del comportamento intrattabile agli ormoni e al ciclo mestruale, anche per la malainformazione che si ha intorno al tema. Ciò che viene vissuto dalla donna in questa situazione è una scarsa considerazione dei propri bisogni e delle proprie ragioni, con richieste e opinioni che vengono banalizzate e ridotte a un “corto circuito” dovuto agli ormoni.
“Anche se può sembrare ridicolo ricorrere a neologismi, tutte le forme di discriminazione come mansplaining, manterrupting e gander gap rendono reale qualcosa di implicito e invisibile, ossia come la nostra società plasma la condizione della donna - conclude Federico Russo - Per invertire la rotta è importante evitare di banalizzare il fenomeno come non degno di vera indignazione e prestare attenzione per imparare a cadere sempre meno nella trappola dei classici pregiudizi che non fanno altro che alimentare ancora di più il divario di genere. Ciò che non aiuta, dall’altro lato, è attribuire la “colpa” della propria condizione alla sola parte maschile della società, perché facendo di tutta l’erba un fascio non si dà valore ai molti uomini che invece sostengono l'uguaglianza di genere e non attuano pratiche di discriminazione di genere.”

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza