Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fialdini, In Fame d'amore racconto il buio dei ragazzi

Fialdini, In Fame d'amore racconto il buio dei ragazzi

Nuova stagione del programma che parla di problemi psichici

ROMA, 05 novembre 2022, 20:19

di Daniela Giammusso

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Le parole sono importanti. Non possiamo lasciare che tutto scivoli via come l'acqua". A parlare, sempre puntuale ed elegante, ma anche senza nascondersi mai dietro a un dito, è Francesca Fialdini. Il suo appello vale ancor di più quando si parla di ragazzi e di FAME D'AMORE, la pluripremiata docuserie in cui per tre edizioni ha raccontato i disturbi del comportamento alimentare dal 7 novembre alle 23.15 su Rai3, allargando l'orizzonte anche a tutti quei problemi psichici che stanno registrando livelli mai visti tra i giovani.
    "Con il Covid tutto ciò che già bolliva in pentola è emerso con forza ancora maggiore", racconta la conduttrice all'ANSA. Un disagio "troppo grande e diffuso per essere ignorato", già solo a scorrere i numeri: oggi il 25 % dei ragazzi soffre di depressione e il 20,5 % di ansia. Mentre i casi di giovani che commettono atti di autolesionismo o che tentano il suicidio sono aumentati del 45%. "Numeri altissimi, che attraversano tutte le classi sociali. Con Andrea Casadio abbiamo deciso di andare a guardare cosa c'è dentro questa botola - spiega - Sono temi forti, sì. Ma il disagio-disturbo mentale all'estero è trattato molto, soprattutto nella televisione anglosassone, senza tabù ne' stigmatismi, ma con accoglienza. Ecco, forse adesso è arrivato il momento per fare un passo anche in Italia".
    Prodotto da Rai Approfondimenti in collaborazione con Ballandi, in otto puntate "Fame d'amore" è dunque entrato nelle comunità terapeutiche, per ascoltare le storie di chi tutti i giorni deve fare i conti con disturbi della personalità e del comportamento alimentare, con le dipendenze da droghe o farmaci e poi le forme di ritiro sociale come l'hikikomori o condizioni come l'incongruenza di genere (fino a ieri denominata disforia). "I ragazzi di questa stagione mi hanno fatto davvero capire che o ci impegniamo per le nuove generazioni o rischiamo di perdere anni e anni di tessuto sociale - prosegue la Fialdini - Ci sono storie come quelle di Francesca o di Sole, che vivono l'amore in maniera molto aperta, senza barriere, ma poi a scuola vengono insultate, prese di mira dai bulli. E allora, la sofferenza diventa tanta, troppa. Oppure, mi ha colpito molto Harold. Ha appena compiuto 18 anni e affronterà a breve il suo percorso di transizione. Ma dentro resta un dolore incredibile". Riecheggia invece ancora la definizione di "devianze" con cui molti di questi problemi sono stati definiti durante la campagna elettorale o le parole della "Ministra Rocella su quanto sia facile assumere ormoni. Non è così - prosegue la Fialdini - Soprattutto, torno alla questione delle parole: dobbiamo saper usare quelle giuste. In Fame d'amore ci facciamo aiutare da tre psicanalisti: Leonardo Mendolicchio, Santo Rullo e Sergio De Filippis. E poi c'è la frattura intergenerazionale. Tutti i ragazzi che ho incontrato mi hanno detto: io non riesco a parlare con i miei adulti. D'altro canto - riflette - non c'è partito che si sia impegnato davvero per loro, con un programma preciso in campagna elettorale. Si sono limitati a entrare nei loro social perché gli interessava il consenso". Ecco allora, aggiunge, che "non possiamo stupirci se poi i ragazzi sono convinti che a nessuno, soprattutto agli adulti, freghi nulla di loro. Quali sogni dovremmo avere, si dicono, se nessuno ci ascolta e il mondo va a gambe all'aria, dal clima alle guerre?".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza