Società & Diritti

Gender fluid e trans, cinema racconta la sessualità

Da Pallaoro a Crialese, identità di genere tema a Venezia 79

79th Venice Film Festival © ANSA
  • dell'inviata Alessandra Magliaro
  • VENEZIA
  • 05 settembre 2022
  • 09:26

 Il numero fa la differenza, è un segnale: di nuova sensibilità, di possibilità di parlarne, di cambiamento sociale. E' nell'aria da tempo, è stato un piccolo tsunami nella moda e sta arrivando di prepotenza anche al cinema, aprendo ad un rinnovamento nella società. E' il tema dell'identità di genere, delle sue dimensioni fluide, uno dei grandi argomenti cinematografici di Venezia 79.
    In concorso è passato MONICA di Andrea Pallaoro con protagonista l'attrice transgender Trace Lysette nel ruolo di una trans che torna a salutare e a prendersi cura della madre morente che non l'aveva accettata, costringendola ad allontanarsi dalla famiglia, il ritratto di una figlia che cerca di recuperare il tempo perduto e superare il trauma dell'abbandono e delle ferite del passato. E arriva sempre in gara per il Leone d'oro, L'IMMENSITA' di Emanuele Crialese, ambientato a Roma negli anni '70 tra i nuovi palazzoni borghesi, che ha al centro una adolescente, Adriana, che soffre per la crisi matrimoniale dei genitori (Penelope Cruz e Vincenzo Amato), rifiuta il suo nome, la sua identità, vuole farsi chiamare Andrea e ha una immagine androgina, indefinita come tantissimi giovani oggi.
    L'omosessualità finisce sotto accusa (con la scusa del plagio) nel SIGNORE DELLE FORMICHE di Gianni Amelio che ricostruisce il clamoroso caso dell'intellettuale Aldo Braibanti al processo nel 1968 mentre allo studente con cui era fuggito, per volere della famiglia, viene praticato il devastante elettroshock perché guarisca dalla devianza. Omosessualità che è pure in TAR di Todd Field, in cui la direttrice d'orchestra Lydia Tar (Cate Blanchett), lesbica, è coinvolta in uno scandalo per favoreggiamento e molestie di una orchestrale. E' bisex il cannibale innamorato Lee nel film di Luca Guadagnino BONES AND ALL, interpretato da Timothée Chalamet, bandiera sul red carpet del gender fluid. Esplora il mondo Lgbt newyorchese ALL THE BEAUTY AND THE BLOODSHED di Laura Poitras, anche questo in concorso, che racconta la storia epica dell'artista e attivista Nan Goldin (autrice di una celebre mostra sull'Aids), impegnata a smascherare le morti di overdose da farmaco denunciando i crimini della Sackler.
    La transessualità è il tema di LE FAVOLOSE di Roberta Torre che ha aperto le Notti Veneziane alle Giornate degli Autori, racconto su Porpora Marcasciano, Nicole De Leo e altre attiviste, impegnate nel Mit, il movimento identità trans con sede a Bologna, ma anche di CASA SUSANNA di Sebastien Lifshitz (sempre Gda), vero e proprio documento di storia queer che racconta lo spazio in cui si riunivano persona tra gli anni '50 e '60 in cui travestirsi era illegale, così come dichiarare la propria omosessualità. E di omofobia nell'Inghilterra dell'era Thatcher parla anche BLUE JEAN di Georgia Oakley, sempre Giornate degli Autori.
    Alla settimana della cristica c'è TROIS NUITS PAR SEMAINE di Florent Gouelou, ambientato nei locali notturni di Parigi dove si innamorano un fotografo etero e una drag queen. Esempi, non esaustivi, di un argomento prepotente che al cinema fa riflettere sull'identità e le trasformazioni. 
   

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie