Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Johnny Depp, 'bannato in Usa? A Hollywood non penso'

Johnny Depp, 'bannato in Usa? A Hollywood non penso'

"Quale ritorno, non ero andato da nessuna parte"

CANNES, 17 maggio 2023, 14:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Boicottato in America? Boh, no, sì... ma io a Hollywood non penso più": Johnny Depp è teso, pesa le parole, cerca di misurare le risposte. Dopo la premiere di Jeanne du Barry di Maiwenn in cui interpreta re Luigi XV, l'attore che ha fatto recentemente parlare di sé solo per un lacerante processo con la ex moglie Amber Heard, è tornato alla ribalta come interprete. E mentre il boicottaggio social su di lui è a mille, di contro la massa di fan lo sostiene come si è visto sul red carpet di ieri. Con Jeanne du Barry e l'assoluzione giudiziaria archiviata possiamo parlare del ritorno di Johnny Depp? "Ritorno, ritorno, sono cliché. Ma quale ritorno, non ero andato da nessuna parte. Anzi sono qui a Cannes".
    Il film ha avuto 7 minuti di applausi e ovazioni in sala per lui. Il quale ha però dato buca alla cena di gala di apertura all'hotel Carlton. C'erano invece Maiwenn, il resto del cast, oltre al delegato generale del festival Thierry Fremaux, alla presidente Iris Knobloch, alla Palma d'oro onoraria Michael Douglas con la moglie Catherine Zeta Jones, le giurie al completo. Alla conferenza stampa convocata alle 12, la prima di cinema dopo mesi e mesi in cui si è parlato di Depp in termini di violenza domestica, diffamazione, ingiurie e simili, l'attesa era alle stelle e la fila fuori infinita. Ma Depp ha brillato per assenza, al punto da temere non arrivasse più, mentre l'incontro con la regista Maiwenn e gli altri interpreti andava avanti non senza imbarazzi per la sedia vuota. Poi magicamente e con tutto il suo carisma dopo quasi un'ora di ritardo si è spalancata la porta ed è apparso lui. Capelli lunghi sulle spalle, solito corredo di gioielli, soliti occhi con il kajal nero da pirata dei Caraibi, occhiali con le lenti affumicate blu. E quando gli chiedono cosa pensa di tutto quello che si è scritto su di lui, anche in questi giorni, Depp risponde: "cose positive e negative, c'è del fantastico e dell'orribile, ma Cannes è un circo mediatico e si sa". Quanto a Jeanne du Barry, girato in un momento davvero complicato della sua vita, Johnny Depp esprime gratitudine più volte a Maiwenn e alla troupe e ai colleghi, "una specie di miracolo, tutto il resto non ha importanza".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza