Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pink Floyd litigano, fallita la trattativa per la vendita del catalogo

Pink Floyd litigano, fallita la trattativa per la vendita del catalogo

Variety, dissidi all'interno della band. Vale 500 milioni

NEW YORK, 15 marzo 2023, 19:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Sembra ormai morta la trattativa per la vendita del catalogo musicale dei Pink Floyd. Lo scrive Variety citando sue fonti. Alla base del fallimento, i dissidi tra i membri della band.
    "Si può dire che non è più in corso - scrive Variety a proposito della trattativa, citando una fonte - ma allo stesso tempo è ancora sul tavolo. E' una situazione strana". Il prezzo d'asta per l'acquisto della musica della band è di 500 milioni.
    A contendersela Blackstone, Sony Music e Warner Music, ma a mettere tra gli altri i bastoni tra le ruote ci sono Roger Waters e David Gilmour, due dei tre membri viventi aventi diritto, i quali si criticano pubblicamente a vicenda. A complicare il quadro le posizioni politiche di Waters nei confronti di Israele e dell'Ucraina che potrebbero ridurre il valore del catalogo. In particolare uno dei suoi concerti in Germania per il tour 'This Is Not a Drill' è stato annullato per le sue considerazioni antisemite. Inoltre ha paragonato Israele alla Germania nazista e ha detto che l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia non è stata ingiustificata.
    Le fonti di Variety sottolineano anche che alla fine è l'incapacità delle parti, che comprendono anche Nick Mason e gli eredi di Richard Wright e Syd Barrett, a lavorare assieme il motivo principale che impedisce di portare a termine la vendita.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza