Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sharon Stone, Basic Instinct mi costò la custodia di mio figlio

Sharon Stone, Basic Instinct mi costò la custodia di mio figlio

Nel 2004 fu usato come arma dal giudice durante suo divorzio

NEW YORK, 09 marzo 2023, 18:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Basic Instinct costò a Sharon Stone la custodia del figlio. Lo rivela la stessa attrice, protagonista con Michael Douglas del film del 1992 diretto da Paul Verhoeven. Intervenuta sul podcast 'Table for Two', la Stone ha spiegato che il thriller erotico fu usato come un'arma dal giudice durante un'udienza per il suo divorzio nel 2004 dal marito Phil Bronstein. Al piccolo (Roan), all'epoca quattro anni, fu chiesto se fosse a conoscenza del fatto che la madre faceva film sexy. L'attrice e il marito adottarono Roan nel 2000.
    "Persi la custodia di mio figlio quando un giudice chiese al mio piccolo - ricorda l'attrice -: 'Sai che tua madre fa film sexy?'. Fu come un abuso dal sistema, la considerazione che mi veniva data come genitore, perché avevo fatto quel film". Dopo la sentenza, la Stone ottenne il diritto di visita a suo figlio.
    Quella decisione del giudice la portò ad un ricovero in ospedale per problemi cardiaci. "Mi spezzò il cuore - sottolinea - letteralmente".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza