Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Julia Roberts abbandonò la produzione di Shakespeare in Love

Julia Roberts abbandonò la produzione di Shakespeare in Love

Difficoltà in 'alchimia' con altri attori e con accento inglese

NEW YORK, 08 marzo 2023, 17:31

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Prima di Gwyneth Paltrow, Julia Roberts avrebbe dovuto essere Viola nel film 'Shakespeare in Love' (1998), ma fallì sia le prove di 'buona alchimia' con altri attori sia con l'accento inglese. Lo scrivono diversi media americani citando il produttore Edward Zwick, che di recente ha pubblicato un saggio in prima persona in cui parla della realizzazione del film che incassò circa 300 milioni di dollari e portò a casa sette Oscar tra cui quello come miglior attrice a Paltrow.
    Zwick dice che all'inizio ebbe difficoltà a far partire il progetto, ma quando sentì il nome di Julia Roberts la Universal acconsentì subito ad investire i primi sei milioni di dollari. I problemi cominciarono a sorgere quando Zwick volò a Londra con l'attrice per le prove di 'buona alchimia', con le quali si determinano i ruoli da protagonisti, con altri attori candidati per interpretare William Shakespeare.
    La Roberts voleva a tutti i costi Daniel Day-Lewis, anche se lui era impegnato nella produzione di un altro film. L'attrice fallì le prove sia con Ralph Fiennes, che con Hugh Grant, Rupert Graves, Colin Firth, Sean Bean, Jeremy Northam. Nessuno andava bene per lei. Poi ci fu un tentativo con Paul McGann. Questa volta il problema fu di altro genere, la Roberts non fu in grado di recitare con un accento inglese. Zwick spiega che cercò di incoraggiarla avendo intuito il suo disagio e il suo timore di fallire. La mattina dopo il manager dell'attrice disse che aveva abbandonato il progetto e che era tornata negli Stati Uniti.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza