Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'Archivio di Bowie acquisito dal V&A, avrà un suo museo

L'Archivio di Bowie acquisito dal V&A, avrà un suo museo

'Spazio ad hoc sarà aperto al pubblico dal 2025'

LONDRA, 23 febbraio 2023, 22:57

di Alessandro Logroscino

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

David Bowie avrà presto uno spazio espositivo esclusivo a Londra, dedicato dal 2025 interamente alle sue memorabilia. L'annuncio arriva oggi dal Victoria & Albert Museum, che in questi mesi ha completato l'acquisizione dello sterminato archivio Bowie: ben 80.000 pezzi fra lettere, costumi, foto e altri oggetti riconducibili alla vita e alla carriera di uno dei musicisti simbolo della storia del rock e del pop britannico e mondiale, morto a 69 anni nel 2016.
    La struttura si chiamerà David Bowie Centre for the Study of Performing Art e verrà allestita nella zona est della capitale del Regno Unito, cuore creativo di questi ultimi decenni non troppo lontano da Brixton, sobborgo meridionale un tempo popolare della metropoli che al musicista diede i natali l'8 gennaio 1947 e che nel lontano 1962 offrì il primo palcoscenico al suo genio eccentrico ed eclettico, ancora da adolescente.
    La collezione - ha sottolineato in una nota Tristram Hunt, ex deputato e direttore del prestigioso V&A - metterà a disposizione del pubblico anche elementi inediti "del processo creativo di un innovatore della musica e di un'icona della cultura" pop. E comprenderà non solo manoscritti di testi musicali, spartiti, missive, strumenti, ma pure costumi come quelli resi celebri dall'album Ziggy Stardust, datato 1972, o dai concerti dell'Alladin Sane Tour del '73. Nonché foto e ritratti realizzati da alcuni dei maggiori fotografi del XX secolo quali Terry O'Neill, Brian Duffy o Helmut Newton.
    "Diventare i custodi di questi archivi incredibili e avere il potere di aprirli al pubblico è un sogno che si realizza", ha aggiunto Hunt.
    L'operazione, evidenzia il museo londinese, è stata resa possibile sia dalla volontà degli eredi di David Bowie, inclusi la vedova Iman e il figlio Duncan, avuto dalla prima moglie Angie Barnett, sia da una donazione ad hoc da 10 milioni di sterline messa sul piatto dalla Blavatnik Family Foundation (istituzione benefica che fa capo al miliardario sovietico-britannico-americano Len Blavatnik) e dalla branca musicale del colosso dell'intrattenimento Warner Group
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza