Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Helen Mirren, Golda Meir una regina come Elisabetta

Helen Mirren, Golda Meir una regina come Elisabetta

Attrice premio Oscar è statista israeliana nel film di Nattiv

BERLINO, 20 febbraio 2023, 16:26

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 "Era straordinariamente coraggiosa e il suo impegno per Israele era totale. È stato come interpretare Elisabetta II d'Inghilterra, ma non per regalità o altro, ma per suo il totale impegno per Israele. In lei nessuna smania di potere: era molto materna e amante della cucina con un'attrezzatura, tra l'altro, molto aggiornata proprio come la mia". Così Helen Mirren racconta, in maglione a collo alto rosa, la sua GOLDA di Guy Nattiv, passata al Festival di Berlino fuori concorso e poi in sala con 01. Sepolta sotto un ingombrante trucco e con una sempiterna sigaretta in bocca è appunto la più credibile delle Golda Meir, ovvero il quarto premier d'Israele e la prima donna a guidare il governo del suo Paese. E ancora la donna che fu definita "l'unico vero uomo in Israele". Nel film la vediamo nel momento più difficile della sua vita e del suo Paese, ovvero in quei giorni concitati che seguirono quel 6 ottobre 1973 quando le forze armate di Egitto, Siria e Giordania condussero un attacco militare a sorpresa nella penisola del Sinai e nelle alture del Golan. Con i suoi in netta minoranza numerica sul campo e sovrastati a livello militare, Golda Meir deve affrontare la sua sfida più grande: combattere nella guerra che passerà alla storia come quella dello Yom Kippur contro un nemico più forte e tenere testa a un governo composto da soli uomini non del tutto amico. Non solo. Per lei un altro fronte, la lotta contro il cancro linfatico che l'avrebbe uccisa cinque anni dopo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza