Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Addio Raquel Welch, sex symbol di Hollywood ma non solo

Addio Raquel Welch, sex symbol di Hollywood ma non solo

L'attrice, deceduta dopo una breve malattia, aveva 82 anni. Divenne famosa con il film Un milione di anni fa

WASHINGTON, 15 febbraio 2023, 23:57

Redazione ANSA

ANSACheck

Raquel Welch - RIPRODUZIONE RISERVATA

Raquel Welch - RIPRODUZIONE RISERVATA
Raquel Welch - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'attrice Raquel Welch è morta a 82 anni dopo una breve malattia. Lo scrive il sito Tmz citando fonti della famiglia. Simbolo del sesso degli anni Sessanta e Settanta, dopo gli esordi in piccole parti - nel 1964 nei film Madame P... e le sue ragazze di Russell Rouse con protagonisti Shelley Winters e Robert Taylor, e al fianco di Elvis Presley in Il cantante del Luna Park di John Rich - Raquel era entrata con prepotenza nell'immaginario per il ruolo della prosperosa Loana in Un milione di anni fa di Don Chaffey: il manifesto del film, uscito nel 1966, con la Welch in un provocante bikini in pelle scamosciata, era divenuto un oggetto da collezione. Erano seguiti altri ruoli da sex symbol, tra Fathom: bella, intrepida e spia (1967) di Leslie H. Martinson accanto ad Anthony Franciosa e Il mio amico il diavolo (1967) di Stanley Donen, con protagonisti Dudley Moore e Peter Cook. Sempre nel 1966, unica protagonista femminile, era entrata nel film di fantascienza Viaggio allucinante, che ne aveva decretato il vero successo.


Raquel Welch

Nel tempo la Welch era riuscita a farsi apprezzare anche come attrice in ruoli più seri. Aveva conquistato due due nomination ai Golden Globe, vincendone uno nel 1975 come migliore attrice in un film commedia o musicale per il ruolo di Costanza Bonacieux in I Tre Moschettieri con Faye Dunaway e Charlton Heston (la seconda candidatura fu per il ruolo televisivo in Quando morire di Paul Wendkos). "Nel mio primo giorno sul set Faye venne da me per dirmi che era una mia grande fan: 'Ma forse non sai che stanno tutti aspettando che ci caviamo gli occhi a vicenda. Facciamoli divertire", aveva raccontato poi al 'New York Post' in una intervista del 2012. Nel 1995 la rivista Empire l'aveva nominata una delle 100 star piu' sexy nella storia del cinema, per Playboy era al terzo posto tra le star supersexy del Ventesimo Secolo, ma Raquel vedeva le cose diversamente.


Raquel Welch

"Ero contenta di aver sfondato e di poter avere avuto una carriera, ma allo stesso tempo non mi vedevo così" aveva scritto nel suo memoir 'Raquel: Beyond the Cleavage' (oltre la scollatura) a proposito del ruolo in Un Milione di Anni Fa: "Non ero nella posizione di dire: 'No grazie, preferirei fare Shakespeare". La carriera di attrice della Welch ha avuto un capitolo italiano con la commedia Spara forte, più forte... non capisco! del 1966 di Eduardo De Filippo girato tra Napoli e Cinecitta' da Joe Levine. "Raquel si e' rivelata molto brava, specialmente nella commedia", l'aveva elogiata Marcello Mastroianni, la sua co-star: "E la commedia e' molto piu' difficile del dramma". Dello stesso anno, 'Le Fate', nell'episodio diretto da Mauro Bolognini. Le altre tre protagoniste degli short erano Capucine, Claudia Cardinale e Monica Vitti.

 


   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza