Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nadia Tereszkiewicz brilla nella commedia post MeToo di Ozon

Nadia Tereszkiewicz brilla nella commedia post MeToo di Ozon

Attrice di Bruni Tedeschi tra i talenti francesi del 2023

ROMA, 15 gennaio 2023, 18:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 Dopo aver incantato nel film di Valeria Bruni Tedeschi Les Amandiers, Forever Young, l'attrice Nadia Tereszkiewicz spicca nell'atteso nuovo film di Francois Ozon, Il crimine è mio, presentato in anteprima ai Rendez-Vous di Unifrance a Parigi. Con lei nel cast un'altra attrice emergente, Rebecca Marder, entrambe nella lista delle rivelazioni del César 2023 e dei 10 talenti da tenere d'occhio nell'incontro di oggi organizzato da Unifrance. Nel cast anche i due mostri sacri Isabelle Huppert e Fabrice Luchini, oltre a Dany Boon. Il film sarà distribuito prima in Francia l'8 marzo.
    Poco tempo fa lo stesso prolifico regista di 8 donne e un mistero e Estate 1985 aveva diffuso la prima foto del film con l'attrice franco-finlandese in primo piano.
    Il film tocca dinamiche di genere e potere in una Parigi degli anni '30. Ispirato dall'opera teatrale del 1934 di Georges Berr e Louis Verneuil, racconta la storia di un'attrice squattrinata e senza talento Madeleine (Tereszkiewicz), accusata dell'omicidio di un famoso produttore. Aiutata dalla sua migliore amica Pauline (Marder), giovane avvocato disoccupata, viene assolta per legittima difesa. Poi inizia una nuova vita, fatta di gloria e successo, e diventa una star, oltre che un'icona femminista.
    "Avevo il desiderio di tornare alla comicità, di rendere leggero affrontando cose che oggi ci riguardano, ovvero le dinamiche di potere e lo status delle donne. Il crimine è mio - ha detto a Variety Ozon - è il trionfo della sorellanza. Ovviamente fa eco a quanto sta accadendo negli ultimi anni nel mondo occidentale con una nuova ondata di femminismo", ha aggiunto in quello che viene definita un'opera 'post MeToo'. Per affrontare questi argomenti Ozon prende le distanze ambientando la storia negli anni '30 e rende omaggio alle commedie americane di quei tempi.
    "Amo i film di Ernst Lubitsch e Frank Capra, adoro il ritmo vivace di queste commedie americane di quegli anni, per me l'età d'oro delle commedie classiche". E curiosamente molte si svolgevano a Parigi, considerata città dai costumi sociali più leggeri. "Questo non è cambiato con il tempo perché oggi abbiamo la serie popolare Emily in Paris", ha aggiunto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza