Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Luisa Ranieri, torno con Lolita Lobosco, libera e moderna

Luisa Ranieri, torno con Lolita Lobosco, libera e moderna

Su Rai1 dall'8 gennaio apre la stagione della grande fiction

ROMA, 05 gennaio 2023, 15:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 L'interpretazione in È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino è valsa a Luisa Ranieri il prestigioso Nastro d'Argento come migliore attrice non protagonista. La rivedremo dall'8 gennaio su Rai1, per sei prime serate, protagonista della serie tv Le indagini di Lolita Lobosco, nel ruolo della vicequestore di Bari a capo di una squadra di soli uomini, giunta alla sua seconda stagione, mentre sta ultimando le riprese del nuovo film di Ferzan Ozpetek nuovo Olimpo.
    "Sì, sono molto felice, credo che Lolita mi porti fortuna, mi piace pensarlo. Quando ho iniziato la prima stagione è arrivata la proposta di Sorrentino, quando ho terminato le riprese della seconda quella di Ferzan, abbiamo lavorato già insieme. Voglio prenderla come un buon auspicio", dice l'attrice. La serie, liberamente tratta dai romanzi della scrittrice Gabriella Genisi (editi da Sonzogno e Marsilio Editori), è prodotta da Angelo Barbagallo e Luca Zingaretti per Bibi Film Tv e Zocotoco in collaborazione con Rai Fiction, ed è realizzata con il supporto logistico di Apulia Film Commission.
    Quando è andata in onda, la prima stagione ha una media del 30% di share come ha ricordato la direttrice di Rai Fiction Maria Pia Ammirati. Perché questo successo? "È una donna libera, ironica, dura. Lontana dagli schemi, per affermarsi non imita gli uomini, e sia pure nell'autorevolezza del suo compito - spiega Ranieri - non intende castigare la sua sensualità, senza avere il timore di essere strumentalizzata. E' intelligente, dotata di intuito. Quello che amo poi è che viene raccontata come una donna del sud contemporanea. La forza del personaggio è proprio questa: il fatto che lei faccia del racconto di un femminile che non ha bisogno di rapportarsi con elementi maschili per essere autorevole. Trovo Lolita un personaggio molto moderno, che aggiunge freschezza all'incarico serio e gravoso che svolge. Il lavoro nella sua vita è centrale, ma non è il fulcro del nostro racconto. Lolita è una donna moderna, che ha forti radici nella sua cultura ma è proiettata nel futuro. Ciò dà al personaggio determinazione e coraggio, che convivono con le fragilità, le curve della vita che tutti abbiamo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza