Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Louis Armstrong diviso tra bianchi e neri

Louis Armstrong diviso tra bianchi e neri

Festa Roma, a Freestyle docufilm di Sacha Jenkins sul jazzista

ROMA, 17 ottobre 2022, 17:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 È stato forse il più grande ambasciatore della cultura afroamericana e del jazz negli anni Sessanta, ma i fratelli neri non lo amavano troppo, per loro Louis Armstrong mostrava un volto troppo apolitico, rappresentava l'unica immagine che i bianchi tolleravano dei neri, quella rassicurante e simpatica di chi alla fine sa stare al suo posto. Questa una delle tesi del docufilm di Sacha Jenkins LOUIS ARMSTRONG'S BLACK & BLUES che uscirà il 28 ottobre su Apple TV+ e che passa alla Festa di Roma nella sezione Freestyle.
    Ma era proprio così il trombettista Louis Daniel Armstrong, noto anche con il soprannome di Satchmo o Pops nato a New Orleans il 4 agosto 1901? Quella era solo l'immagine pubblica, perché, dietro quella facciata, l'artista la pensava diversamente e fu anzi più volte anche un riferimento per il movimento dei diritti civili. Il film attinge infatti alle molte ore di diari audio, meticolosamente da lui registrati, e agli album di Armstrong che rivelano un lato diverso dell'uomo, oltre alla personalità affabile che mostrava sul palco e davanti alla telecamera.
    LOUIS ARMSTRONG'S BLACK & BLUES, non a caso, si apre con Orson Welles che introduce Armstrong nel suo spettacolo come "uno dei più grandi jazzisti e il numero uno nel suo campo. Non ce ne sarà mai un altro come questo". Tante le testimonianze, come quella della moglie Lucille che ricorda quanto fossero felici nella loro casa nel Queens di New York, sottolineando poi come Armstrong fosse una "persona profonda e consapevole di ciò che accadeva nel mondo, ma non avrebbe mai mostrato questa sua consapevolezza in un'intervista".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza