Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Polanski, corte Usa desecreta le testimonianze sul processo

Polanski, corte Usa desecreta le testimonianze sul processo

Dopo parere del procuratore Los Angeles, spiragli su caso stupro

NEW YORK, 14 luglio 2022, 16:35

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Contestualmente alla disponibilità data dal nuovo procuratore di Los Angeles, una corte di appello della California ha dato luce verde alla pubblicazione di una testimonianza finora sotto segreto che potrebbe aiutare Roman Polanski nell'annosa vicenda che lo vede protagonista in un caso di stupro.
    La California Appeals Court di Los Angeles ha ordinato alla Superior Court della città californiana di rivedere una sua precedente decisione e divulgare il testo della testimonianza dell'ex procuratore Roger Gunson come richiesto da due scrittori, Sam Wasson e William Rempel, sulla base del Freedom of Information Act.
    Il documento, raccolto nel 2010, potrebbe aiutare Polanski secondo cui la magistratura 45 anni fa infierì ingiustamente su di lui. Dopo essersi dichiarato colpevole dello stupro della minorenne Samatha Geimer, il regista fuggì dagli Usa alla vigilia della sentenza temendo che il giudice che aveva in mano il caso, Laurence Rittenband, avrebbe fatto carta straccia dell'accordo extragiudiziario e i conseguenti sconti di pena previsti per gli imputati che vengono a patti con la giustizia.
    Il 13 luglio per l'88enne Polanski si era aperto uno spiraglio quando il procuratore di Los Angeles, George Gascón, aveva dato via libera alla trascrizione della testimonianza di Gunson che nel 1977 istruì il caso. La decisione lascia intravedere una disponibilità a riconsiderare la vicenda "con occhi nuovi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza