Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Il padre di Britney Spears deporra' su finanze e intercettazioni

Il padre di Britney Spears deporra' su finanze e intercettazioni

Ordine giudice, deposizione Jamie entro il 12 agosto

NEW YORK, 14 luglio 2022, 15:37

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Jamie Spears, il settantenne padre di Britney Spears, ha ricevuto un ordine della corte per recarsi a deporre entro il 12 agosto su come ha gestito per anni le finanze della figlia e ne ha intercettato tutte le comunicazioni con l'esterno.
    La deposizione e' stata chiesta dall'avvocato della popstar Mathew Rosengart e avallata dalla giudice della Superior Court di Los Angeles Brenda Penney. "Jamie finora e' sfuggito alle richieste di dar conto e ragione delle sue azioni, ma deve farlo sotto giuramento come prevosto dalla legge", ha detto il legale della cantante.
    A sua volta anche l'avvocato di Jamie, Alex Weingarten, ha chiesto che Britney testimoni sulle accuse incendiarie che ha fatto sui suoi profili social nei confronti della famiglia dopo la fine della tutela legale a cui e' stata assoggettata per oltre 13 anni. Rosengart ha definito questa richiesta "una rappresaglia" e un "abuso del processo legale" per distrarre l'attenzione dal vero problema, e cioe' il cattivo uso fatto dal padre dei beni della figlia e lo spionaggio esercitato su ogni sua azione.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza