Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gucci, Armani e Dior i brand di cui si parla di più in rete

Gucci, Armani e Dior i brand di cui si parla di più in rete

Quarta edizione del report sulla reputazione del lusso

MILANO, 07 maggio 2023, 17:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Gucci, Armani e Dior sono i brand di cui si parla di più in rete.
Gucci è anche il marchio al centro del maggior numero di conversazioni online, seguito da Armani e da Dior e Valentino, ex aequo in terza posizione. È quanto emerge dalla quarta edizione del Report sulla reputazione del lusso, realizzato da Comin & Partners sulla base dei dati raccolti attraverso la piattaforma di analisi KPI6 e in partnership con Il Foglio della Moda, l'inserto mensile del Foglio curato da Fabiana Giacomotti.
    Nello studio, relativo al periodo che va da ottobre 2022 a marzo 2023, i brand che crescono di più sono Dior, che negli ultimi sei mesi balza dal nono al terzo posto, e Valentino che scala l'intera classifica e guadagna il podio rispetto all'ultima posizione occupata nella rilevazione precedente.
    Oltre la metà dell'audience è donna e gli utenti nati tra il 1997 e il 2012, la cosiddetta GenZ, rappresentano quasi il 50% delle persone coinvolte dalle conversazioni. I Millennials (18-34 anni) sono invece poco più del 35%, mentre il restante 10% del pubblico online è rappresentato dalla Generazione X e dai Boomer (43-77 anni).
    Le conversazioni online si sviluppano in particolare all'interno di micro-community. Un fenomeno che le maison - secondo lo studio - possono sfruttare trasformandole in brand-community, ovvero gruppi di persone che fanno da megafono digitale delle iniziative e dei contenuti del marchio attraverso l'utilizzo di hashtag brandizzati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza