Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Altaroma: da Casa Preti sfila il concetto di "sublime"

Altaroma: da Casa Preti sfila il concetto di "sublime"

Lo stilista Mattia Piazza rilegge gli anni Quaranta

ROMA, 31 gennaio 2023, 19:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La collezione Casa Preti FW 2023-24 prende ispirazione dalla sua stessa essenza. Il designer del marchio, lo stilista siciliano Mattia Piazza, ha ripercorso le linee classiche del brand ispirate alle donne della sua vita. I suoi abiti "non sono solo luoghi da abitare" come lui stesso chiarisce nel back stage del PratiBus District prima della sfilata con Altaroma, ma hanno un nome specifico con un carattere determinato: Paola, Filippo, Concetta, Fabrizio, Giovanna, Steve, Rosalba. E poi la sua collezione, intitolata in un moto di autoreferenzialità, "Preti", sono "ricordi e proiezioni dell'assoluto nella delineazione di un mondo migliore e ideale". "Il mio concetto di sublime - spiega - dopo aver studiato Kant e Schopenhauer è stato tradotto in abiti. Il sublime è qualcosa che ti sgomenta, che ti può anche spaventare ma ti affascina, come un vulcano che attira e incute paura. Le mie figure diventano così immagini dei valori della azienda che per me dovrebbero essere universali. Ho portato in passerella, con la voce di sottofondo di Maria Callas, gli anni Quaranta, abiti e giacche strutturati, realizzati in tessuti corposi, come questa redingote in velluto liscio marrone, intelaiata come una pelliccia. Oppure come questo abito lungo nero che è fatto di neoprene. Ma ho stampato anche il nome "Preti" su alcuni capi bianchi, come un logo. La mia moda vuole essere moderna, fluida ma classica. E' una collezione che mette in scena i miei valori, l'artigianalità, la bellezza, l'amore per la moda e per la vita". La collezione punta a linee essenziali, tipiche del brand, che dialogano con velluti di cotone e sete che richiamano sapori e sensazioni d' inizio secolo, si accostano a tessuti plastici, come il neoprene, acquisendo una mano scultorea che permette di progettare statue in movimento. I colori si aggirano in una spirale di neutri con picchi di verde e blu passando per grigi e neri.
    Casa Preti nasce nel 2017 dall'incontro tra il sarto palermitano Mattia Piazza e l'architetto svizzero Steve Gallay, che danno vita alla casa di moda il cui nome trae origine dal pittore caravaggesco di scuola napoletana Mattia Preti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza