Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Da una coperta l'eccentrico domestico di Etro

Da una coperta l'eccentrico domestico di Etro

A Milano prima sfilata uomo del direttore creativo de Vincenzo

MILANO, 15 gennaio 2023, 18:54

di Gioia Giudici

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una coperta di velluto jacquard, che Marco de Vincenzo amava da bambino, è il collegamento tra il mondo dello stilista e quello di Etro, per cui lo stilista firma la prima collezione uomo da direttore creativo. "Questa collezione - spiega lo stesso de Vincenzo - nasce da una coperta, un pezzo della mia vita che ho portato nella storia di Etro, perché questa coperta è diventata il cappotto che apre la sfilata", in un set allestito con tutte le ridelle e i rotoli di tessuto arrivati direttamente dagli archivi della maison.
    Vedendo tutto per la prima volta, de Vincenzo si è mosso negli archivi con la passione di chi rimane incantato dalle storie che stanno dietro ogni singolo rotolo: "il signor Etro - ricorda - mi ha raccontato che aveva inventato dei tessuti scozzesi", e lui in questa collezione ha ritirato fuori proprio quelli, con i kilt lunghi da abbinare a giacca e pantaloni o da portare anche come gonna e basta, con gli zoccoli con la punta all'insù stile olandese, ma con le borchie dorate. Perché in questa collezione "c'è uno scambio continuo - spiega ancora lo stilista - tra domestico, confortevole, ed eccentrico: è come portare la casa fuori". Come, per esempio, con le tute intere, i caftani o le borse shopping che sembrano dei porta coperta.
    O nei tessuti: il gobelin per la casa viene ingigantito in bianco e nero sul cappotto, i velluti da home design diventano giacche, quelli optical sono usati per gli abiti, il paisley si trasforma in versione geometrica jacquard sulle maglie o come un'onda sulle tute di lana o di seta.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza